Forza Italia: ‘2 milioni di euro per Chieti dalla Regione, soddisfatti ma non appagati’



Chieti. Con l’approvazione del Bilancio Regionale l’opposizione di centro destra riesce “strappare” per la città di Chieti circa 2 milioni di euro per attività amministrative e l’avvio di strutture strategiche che necessitano al capoluogo di Provincia, quale è la città di Chieti.

“Siamo soddisfatti, – dichiara il capogruppo di Forza Italia, Marco D’Ingiullo – ma non appagati ed è solo grazie all’azione mirata, corretta del Presidente di Vigilanza Mauro Febbo, con la quale si è riusciti ad ottenere questo risultato, dove si finanzieranno oltre al Teatro Marrucino per il suo bicentenario con un contributo straordinario di 200 mila €. Tale contributo garantirà il minimo di sussistenza per organizzare le celebrazioni dovute del Teatro Lirico d’Abruzzo. Chieti in questi ultimi quasi 4 anni è rimasta indietro rispetto agli altri centri urbani regionali per finanziamenti, con risorse ridotte all’osso o addirittura, promesse ma mai liquidiate dalla Regione Abruzzo”

“E’ stata una maratona estenuante e solo mettendo in difficoltà la maggioranza di centro sinistra con emendamenti mirati e non, che si è potuti scendere ai dovuti compromessi per portare a casa questo risultato per la città di Cheti.” – aggiunge il Consigliere comunale e provinciale Emiliano Vitale – “Seguo ormai da quasi dieci anni i lavori di consiglio regionale e le sessioni di bilancio è, oltre ad essere una lunga maratona di giorni , il momento cruciale per individuare le risorse che purtroppo i comuni e in particolare, quello di Chieti, non riesce a trovare per ripristinare servizi collegati alla vocazione cittadina. Per lo più quando sono anche strutture regionali, per cui non esiste una propria competenza. Oltre al Teatro, il Presidente Febbo ha voluto incentrare l’attenzione sulla casa dello studente, di Via Gran Sasso, di proprietà dell’Ater di Chieti, incompiuta ormai decennale, che completa una serie di azioni messe in campo anche dall’amministrazione comunale per i servizi e le nuove opportunità agli studenti universitari, oltre al prolungamento delle corse pubbliche notturne ed altri progetti in itinere. Questa, a mio avviso, anche risposta concreta a chi diceva che a Chieti gli studenti universitari non avrebbero possibilità di poter vivere e studiare.”

“Altro importante finanziamento è quello dell’Ater di Chieti – insistono i due Consiglieri D’Ingiullo e Vitale – perché in Regione è depositata una proposta di Legge per il riordino degli uffici Ater, dell’Assessore regionale De Matteo, che prevedrebbe la chiusura dell’Ater di Chieti con fusione quello di Pescara e rimarrebbe, per la provincia di Chieti, solo quello di Lanciano. Questo finanziamento per tre anni ridarebbe ossigeno alla struttura degli alloggi popolari per almeno tre anni, la quale è gravata da deficit economici pesanti.”

E poi c’è la Biblioteca provinciale che usufruirà subito di 150 mila € per avviare il suo completamento, dopo che lo stesso D’Alfonso promise, nella scorsa estate per due volte, un finanziamento di 300 mila €, mai arrivato.”

“E’ chiaro che diamo atto a questo governo regionale di aver aperto uno spiraglio ed aver accettato, in parte, – concludono i due consiglieri comunali – le richieste del Consigliere Mauro Febbo, ritenendoci soddisfatti, ma sicuramente non appagati, perché le necessità e le emergenze sono molte di più”.

Ultima modifica: 13 gennaio 2018

In questo articolo