Gasdotto Snam a Sulmona, D’Alfonso annuncia il ricorso ma dialogo con il governo VIDEO



“La Regione ricorrerà al Tar Lazio contro la delibera del Consiglio dei Ministri che ha dato il via libera al progetto della centrale di compressione della Snam a Sulmona, ma contemporaneamente continuerà a lavorare con Palazzo Chigi per arrivare a una nuova e diversa valutazione di un’opera inutile e dannosa”.

Lo ha ribadito questa mattina a Pescara il presidente della giunta regionale Luciano D’Alfonso, aggiungendo che forse già prima della fine dell’anno incontrerà il premier Paolo Gentiloni per discutere della vicenda.

“Anche in caso di scioglimento delle Camere – ha spiegato il presidente – il Governo continuerà a lavorare e siamo pronti ad andare fino in fondo, così come è accaduto per Ombrina. Dalla nostra, infatti, abbiamo argomenti rilevanti e resistenti a qualunque controdeduzione, a partire dalla inutilizzabilità di gran parte del suolo su cui andrebbero a insistere sia la centrale, sia il metanodotto”.

D’Alfonso ha sottolineato come alla determinazione del Consiglio dei Ministri, si sia arrivati proprio a causa dei ripetuti dinieghi arrivati dalla Regione nel corso del tempo.

“Di qui – ha proseguito – l’intervento del potere sostitutivo del Governo, contro cui proseguiremo la nostra azione di contrasto. Anche perché lo Stato non può investire ingenti risorse per tutelare il patrimonio artistico di Sulmona (il riferimento è al progetto da 12 milioni di euro per la Badia Celestiniana) e contemporaneamente sostenere un progetto che ne devasta il territorio”.

Ultima modifica: 13 gennaio 2018

In questo articolo