Pescara, le arance di solidarietà contro mafia e caporalato



Pescara. Tornano le arance della solidarietà dei piccoli produttori calabresi che hanno detto no a mafia e caporalato.

Anche quest’anno Rifondazione comunista e i Giovani comunisti si sono attivati per far arrivare a Pescara le arance biologiche dei contadini calabresi che hanno intrapreso un cammino diverso, per una produzione etica libera da mafia e sfruttamento.

Le arance potranno essere acquistate presso la sede di Rifondazione comunista, in via Tedesco 8 nei seguenti giorni e orari: sabato 13 gennaio, dalle ore 10:00 alle ore 13:00; domenica 14 gennaio, dalle ore 15:00 alle ore 19:00.

E’ possibile anche prenotare le arance (cassetta da 5 kg, al costo di 10 euro) contattando i referenti dell’iniziativa: Paolo Mantini, coordinatore Giovani comunisti Pescara; Corrado Di Sante, segretario Prc-Se federazione provinciale Pescara; il ricavato della vendita sarà devoluto alle Brigate di Solidarietà attiva.

Ultima modifica: 17 gennaio 2018

In questo articolo