Città Sant’Angelo: i migranti di tutta la provincia si sfidano a calciotto



Città Sant’Angelo. Domani alle 15.30 il fischio d’avvio del primo torneo di calciotto “Madonna della Pace”, sul campetto della omonima parrocchia a Città Sant’Angelo.

 

Il Torneo, organizzato dalla Cooperativa sociale Eta Beta, vedrà sfidarsi le rappresentative di richiedenti asilo ospitati nei Centri di accoglienza gestiti dalla Cooperativa nel pescarese (“Torre del Moro” – Città Sant’Angelo, “San Donato” ed “Excelsior” – Pescara, Manoppello e la Comunità per minori “CasArmonia” – Pescara) e nel Centro di accoglienza di Città Sant’Angelo, gestito dall’Azienda pubblica di servizi alla persona (ASP) della Provincia di Pescara.

Saranno impegnati nelle competizioni 60 ragazzi, per la maggior parte provenienti dall’Africa sub-sahariana, di età compresa dai 16 ai 30 anni, per cui il calcio non è solo uno sport, ma un mezzo di riscatto sociale.

Le semifinali e le finali si svolgeranno rispettivamente sabato 5 e domenica 6 maggio, in concomitanza con l’annuale festa parrocchiale. “E proprio il desiderio di pace, la volontà di dare un calcio al razzismo e la speranza di un’armoniosa convivenza sono gli obiettivi del Torneo, a cui sono stati invitati anche alcuni osservatori sportivi”, spiega una nota degli organizzatori, “Il Torneo rappresenta per i ragazzi una bellissima occasione di socializzazione e di integrazione”.

Ultima modifica: 16 aprile 2018

In questo articolo