Pescara, intossicazioni nelle scuole: sequestrato un caseificio a Vicoli



Pescara. Svolta nelle indagini sull’intossicazione alimentare degli oltre 200 alunni delle scuole di Pescara, finiti in ospedale con sintomi gastrointestinali provocati dal batterio Campylobacter.

Dopo i riscontri positivi delle ultime ore nell’ambito degli accertamenti di Asl e Istituto Zooprofilattico, i carabinieri del Nas stanno eseguendo il sequestro penale, a Vicoli, su decreto della Procura, di un’azienda casearia con annesso allevamento che produceva formaggi destinati alle mense scolastiche.

Il titolare dell’azienda è stato iscritto nel registro degli indagati. In particolare, il sequestro riguarda quattro capannoni per ricovero di circa 70 bovine da latte e un caseificio aziendale, con diversi chili di prodotti lattiero caseari, fra cui caciotte: e proprio su una caciotta avariata si sono concentrate, nelle ultime settimane, le indagini.

L’azienda in questione, giĂ  sottoposta a vincolo sanitario, era stata ispezionata piĂą volte da Nas e Asl ed erano stati eseguiti campioni alimentari e tamponi ambientali. Gli indagati salgono così a cinque: oltre al titolare dell’azienda ci sono i rappresentanti delle due ditte che, in Ati, gestiscono il servizio di refezione scolastica. I reati ipotizzati a vario titolo sono adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari, commercio di sostanze alimentari nocive, di natura colposa, e lesioni colpose.

Ultima modifica: 10 luglio 2018

In questo articolo