Pescara, scuola San Silvestro: “Finto cantiere usato per propaganda elettorale”



Pescara. “A tre mesi dallo sgombero della scuola primaria ed elementare di San Silvestro colle e a due mesi dalla consegna del cantiere all’impresa, i lavori di adeguamento sismico del complesso non sono mai cominciati. Anzi, non inizieranno per ora visto che, come previsto, il Genio Civile ha osservato il progetto ponendo delle prescrizioni cui Direttore dei lavori e Responsabile unico del procedimento devono ancora rispondere”.

Lo ha denunciato il Consigliere comunale di Forza Italia Eugenio Seccia al termine della seduta odierna della Commissione Vigilanza, Controllo e Garanzia, convocata sul tema dopo il sopralluogo sul cantiere fermo per capire quando e se la scuola di San Silvestro riaprirà i battenti. Presenti il Direttore dei lavori Giuseppe Tavani, il responsabile della sicurezza Mauro Di Cola, e il responsabile comunale Marco Polce, Rup del fascicolo, oltre a una delegazione di mamme.

“Il cantiere quindi non verrà mai chiuso per il 10 agosto, come assicurato dall’assessore Cuzzi, il Rup Polce spera di poter riportare gli studenti nella scuola dopo le vacanze di Natale, quindi a gennaio 2019, secondo noi se ne parla a settembre 2019, visto che lo stesso ingegner Polce ha chiaramente detto che, a suo giudizio, quelle opere richiederebbero almeno 240 giorni di lavoro, e non 120 come deciso dal suo Dirigente comunale”.

“È questa l’ennesima vergogna partorita da una giunta comunale Alessandrini inadeguata, politicamente incapace, che ha usato quel finto cantiere per farsi propaganda elettorale, un cantiere che oggi però gli si sta rivoltando contro come un boomerang facendo finalmente emergere la verità”.

Ultima modifica: 13 giugno 2018

In questo articolo