Pescara, troppi debiti: i volontari pronti ad abbandonare il canile



Pescara. Ridotti allo stremo e indebitati fino al collo, i volontari della Lega per la difesa del Cane, che gestiscono il canile di via Raiale, sono pronti ad abbandonare la struttura del Comune.

 

Da anni, infatti, gli attivisti LNDC chiedono al Comune di Pescara che “il contributo erogato per la conduzione del canile comunale venga adeguato alle reali necessitĂ  dello stesso, ma – spiegano in una nota – le nostre richieste sono sempre rimaste inascoltate”.

Nonostante l’aiuto ricevuto dai cittadini e i sacrifici dei volontari stessi, nel corso degli anni la Sezione si è trovata costretta ad accumulare debiti anche a causa di importanti emergenze sanitarie che hanno coinvolto diverse cucciolate. Il contributo annuale previsto dalla convenzione per la gestione del rifugio infatti è di 39mila, mentre la rendicontazione prodotta dall’Associazione ogni anno supera abbondantemente i 5omila Euro di spese sostenute esclusivamente per il mantenimento e la cura degli animali ospitati.

“Abbiamo ricordato al Comune le proprie responsabilitĂ ”, spiegano i volontari, “considerando che i cani sono di sua proprietĂ , e l’assessore Teodoro si era impegnato a trovare fondi per tamponare i debiti contratti dall’associazione per le spese veterinarie. Eppure, a circa sei mesi da questa promessa, ancora nulla si è mosso e i debiti continuano ad aumentare anche perchĂ© non c’è traccia di una nuova convenzione con importo congruo. Inoltre, da agosto scorso, i rapporti con il Comune vanno avanti a proroghe di due mesi in due mesi e i pagamenti delle relative liquidazioni sono in costante ritardo a causa delle lungaggini degli uffici comunali. Infatti, l’importo di circa 6mila euro dell’ultima proroga scaduta a febbraio ad oggi non è stato ancora corrisposto. Ciò nonostante, il Comune continua a pretendere costantemente ingressi di animali dovuti a rinunce di proprietĂ  senza tenere in minima considerazione le difficoltĂ  dei volontari”.

“La situazione è ormai insostenibile –  afferma Paola Canonico, Presidente della Sezione LNDC di Pescara –  Dopo anni di richieste e di promesse, iniziamo davvero a sentirci presi in giro da tutta l’amministrazione comunale. I cani sono di proprietĂ  del Comune ed è ora che il Comune si assuma le sue responsabilitĂ . Se le cose continuano così saremo costretti a riconsegnare le chiavi del canile all’assessore Teodoro e interrompere ogni rapporto. Ovviamente, in quel caso, continueremo comunque a vigilare sul benessere degli animali che abbiamo accudito con passione fino ad oggi e denunceremo qualsiasi forma di maltrattamento o trascuratezza nei loro confronti.”   

Ultima modifica: 16 aprile 2018

In questo articolo