Udine, ottantenne uccide l’ex moglie di Pescara. Sgomento sui social



“Sempre vicina all’Abruzzo, con gesti, frasi gentili e partecipazione attiva alle nostre iniziative al Vinitaly, nonostante il Friuli Venezia Giulia fosse la sua terra di adozione, alla quale si è donata con dedizione”.

Questo il post su Facebook dell’associazione Donne del Vino Abruzzo il giorno dopo il tragico epilogo della storia di Donatella Briosi, 64 anni, di Pescara, da circa 30 anni in Friuli, uccisa dall’ex marito Giuliano Cattaruzzi, 80 anni, friulano, in uno studio di Udine dove gli ex coniugi si trovavano per firmare un atto notarile.

Nella comunità abruzzese c’è sgomento e si rincorrono i ricordi anche molto recenti legati alla donna che è stata sommelier Ais e poi Fis e che svolgeva anche attività di consulenza e comunicazione.

Solo la settimana scorsa, racconta su Facebook la giornalista del settore Jenny Viant Gomez, “è stata la mia compagna di press tour a ‘Terre di Pisa’. Chiacchiere, risate, riflessioni sul vino. Non ho parole”.

Ultima modifica: 14 giugno 2018

In questo articolo