Popoli, preoccupa lo stato dei ponti FOTO



Popoli. Nella preoccupazione nazionale generale dal crollo del ponte Morandi di Genova, da Popoli arriva l’allarme dei consiglieri comunali Combattelli e Lattanzio per “lo stato di abbandono e degrado che caratterizza il Ponte Risorgimento e il Ponte Giulio Cesare, lungo i quali transitano macchine e pedoni per raggiungere rispettivamente la stazione di Popoli e l’Ospedale”.

“I ponti”, affermano i consiglieri d’opposizione, “evidenziano l’ammaloramento del cemento oltre che i ferri scoperti: alla luce dei recenti eventi di cronaca, non è il caso di sottovalutare una simile situazione”.

Il capogruppo di Prima Popoli e la vice presidente del Consiglio, hanno chiesto un intervento da parte del Comune che prevede un controllo e una successiva manutenzione: “Richiediamo – spiegano – un controllo dei ponti tramite prove strutturali e uno studio di vulnerabilità sismica, questo affinché possa essere realizzato un progetto di adeguamento sismico compatibile con le norme vigenti in materia.
Così importante è il Ponte Zugaro, realizzato nel 2013 dalla Provincia ma di responsabilità comunale che, da quanto prevedono le schede tecniche, necessita di una manutenzione ogni tre anni essendo fatto di legno”.

Ultima modifica: 20 agosto 2018

In questo articolo