Martinsicuro, Fornace Fiore: le puntualizzazioni della “nuova” proprietà



Martinsicuro. Restano ancora da chiarire alcuni aspetti per quanto concerne la bonifica dell’area dell’ex Fornace Fiore a Villa Rosa, oggetto tra le altre cose di una vendita per esecuzione fallimentare nel maggio del 2015.

 

 

 

Nei giorni scorsi, il sindaco Paolo Camaioni (a nome dell’intera amministrazione) ha fatto chiarezza sulla vicenda specificando alcuni passaggi, seguiti nell’iter della vicenda, e sottolineando che non esiste nell’area la presenza di amianto interrato e nemmeno in superficie.

Sulla vicenda, che sulla scorta di quanto asserito dall’esecutivo sembra essere in via di soluzione, arrivano le puntualizzazioni della Hiram Tourist Srl, che si è aggiudicata l’area all’asta.

 

“Prendendo atto con positività  delle affermazioni riportate  nel vs. giornale di ieri, attribuite al Sindaco dal parte dell’amministrazione Martinsicuro  e precisamente  sul punto   ”  parimenti è stato  verificato che non sono presenti lastre di amianto interrato, ne’ cemento amianto in superficie, si richiede il rilascio della certificazione  ufficiale del Comune  che attesti  che  il pericolo di amianto interrato  denunciato sulla base del documento gia’ depositato presso la Procura della Repubblica di Teramo, in data 10.10.2015, ai fini dell’accertamento della sua veridicità, sia stato verificato e del tutto smentito”.

 

Alla luce di questo passaggio, poi l’amministratore della stessa società riporta anche il carteggio intercorso con gli enti interessati, tra i quali anche l’Arta relativamente al fatto che il sito è stato inserito nell’anagrafe di quelli potenzialmente contaminati e che, sotto questo aspetto, nelle procedure di vendita da parte dei curatori, questo aspetto non era stato mai evidenziato.

 

SCARICA I DOCUMENTI

 

 

 

Pec Arta Abruzzo 01.03.2016

Ultima modifica: 2 novembre 2017

In questo articolo