Teramo-mare: per completarla servirà il pedaggio? 



Nelle ultime ore si sta facendo strada l’ipotesi dell’introduzione del pedaggio sulla Teramo-mare.

La superstrada, che in realtà al mare ancora non arriva, manca di un quarto lotto che l’Anas dovrebbe realizzare al costo di 84milioni di euro.

Fondi che, secondo alcuni ipotesi rimbalzate nelle ultime ore, l’Anas non avrebbe.

Potrebbe dunque arrivare il gruppo Toto che, da privato, potrebbe introdurre dopo il completamento della superstrada un pedaggio a mo’ di ristoro per l’opera realizzata.

Non è la prima volta che si ipotizza l’introduzione del pedaggio sulla Teramo-mare, ma finora le indiscrezioni non hanno mai trovato effettiva realizzazione.

Teramo-Mare, Mastromauro: ‘Ultimarla facendo pagare il pedaggio? E’ un’ipotesi assurda’

Sulla questione del completamento della Teramo–Mare interviene anche il sindaco Francesco Mastromauro. “Le dichiarazioni del consigliere regionale Giorgio D’Ignazio sulla mancanza di risorse per la realizzazione del quarto lotto, l’ultimo, della Teramo-Mare, e quindi sulla necessità di far finanziare il completamento dell’opera a soggetti privati prevedendo il pagamento di un pedaggio, genera confusione e non reca certo un contributo costruttivo alla soluzione del problema che si protrae ormai da troppi anni. Io sto ai documenti ufficiali prodotti dalla Regione. E in proposito voglio ricordare che il 31 dicembre 2015 la Giunta regionale approvò il Masterplan Abruzzo. Ebbene in quel documento, sotto la voce “infrastrutture”, tra gli interventi strategici inseriti c’è proprio il completamento della Teramo–Mare il cui costo, pari a 85 milioni di euro, risulta essere interamente coperto da finanziamenti esistenti. È vero – afferma Mastromauro – che il Masterplan deve essere ancora approvato dal Governo centrale, ma si tratta pur sempre di un documento di programmazione della Regione. C’è comunque da aggiungere che un mese fa, il 25 febbraio, ho organizzato un incontro pubblico dedicato allo sviluppo economico della nostra Provincia. In quell’occasione parlai della strategicità della Teramo–Mare non solo per lo sviluppo dei territori costieri della provincia ma anche per dell’intera Regione dal momento che si completerebbe il collegamento diretto sulla direttrice Tirreno–Adriatico. E il vice-presidente della Regione Giovanni Lolli, ospite dell’iniziativa, del tutto d’accordo sull’importanza dell’opera confermò la disponibilità del finanziamento. Dunque – prosegue il sindaco – sarebbe inaccettabile, e probabilmente neppure fattibile, far pagare un pedaggio per percorrere la Teramo– Mare. Anche perché le infrastrutture, e mi riferisco sia a quelle che muovono persone e merci, sia a quelle che permettono il flusso di informazioni e dati, sono il futuro della società moderna. La nostra provincia – aggiunge il sindaco – da troppo tempo è penalizzata rispetto ad altre che, pur con caratteristiche analoghe, godono di una situazione decisamente migliore. Non si capisce, ad esempio, perché nell’Ascolano la superstrada dal capoluogo arrivi sulla costa e ci siano collegamenti a lunga percorrenza sulla ferrovia Adriatica mentre da noi questo non accade. Non posso neppure accettare la posizione del presidente della Provincia di Teramo Renzo Di Sabatino che parla di destinare 7-8 milioni per migliorare la vecchia statale. Anche questa è una proposta irricevibile, e comunque di difficile attuazione considerando la forte antropizzazione del tratto dalla statale 80 tra la stazione di Mosciano a Giulianova. Con tutti i problemi di inquinamento ambientale ed acustico ma anche con i disagi e il rischio per la sicurezza che puntualmente si verificano a causa dell’alto flusso veicolare. Che aumenta esponenzialmente nel periodo estivo. Per cui il presidente Di Sabatino farebbe bene ad unirsi alla nostra battaglia che, come detto, non è a vantaggio solo di un territorio ma dell’intera Regione”.

PEPE: ‘IL QUARTO LOTTO DELLA TERAMO-MARE NON AVRA’ PEDAGGIO’

“Il quarto lotto della Teramo-mare si farà in tempi certi e senza il pagamento di pedaggi”. Lo ha detto l’assessore regionale Dino Pepe.
“Nella conferenza dei servizi svoltasi il 10 marzo scorso a L’Aquila – prosegue Pepe – è stato chiaramente esplicitato che la nuova arteria a quattro corsie non sarà a pagamento per gli automobilisti e che i costi di realizzazione del tratto stradale saranno a carico dello Stato, dato che l’opera è stata inserita nel Masterplan per l’Abruzzo tra le infrastrutture viarie strategiche con un finanziamento di 85 milioni di euro”.

Ultima modifica: 2 novembre 2017

In questo articolo