Giulianova, l’affondo dei 5 Stelle contro il sindaco: “Pensa solo a Montecitorio”



Duro affondo del Movimento 5 Stelle di Giulianova nei confronti del sindaco Francesco Mastromauro che viene accusato di aver abbandonato la sua città per rincorrere la carriera politica, in modo particolare una poltrona a Montecitorio in vista delle elezioni politiche del prossimo anno.

I pentastellati attaccano il primo cittadino per non aver varato un piano sulla sicurezza delle scuole.

“Sono passati molti mesi dai terremoti che hanno colpito la nostra regione”, si legge in una nota del M5S giuliese, “in tutto questo tempo non si è riusciti a trovare una soluzione valida per la sicurezza nelle scuole della nostra città. Il progetto della bioedilizia da noi proposto non è mai stato preso in considerazione dal Comune, che ha preferito la ristrutturazione di vecchi edifici. È incredibile però che sia ancora tutto praticamente bloccato. Mastromauro ha abbandonato Giulianova. Il suo pensiero fisso rimane la poltrona di Montecitorio mentre i ragazzi della scuola media Pagliaccetti ancora non hanno una sede. Era stato richiesto un mutuo da 1.200.000 euro per la ristrutturazione del vecchio edificio ma ora vediamo quei soldi destinati ad altre opere pubbliche; slitta pertanto a data indefinita una soluzione definitiva per i tanti scolari del Paese che si trovano stipati in altri comprensori scolastici”.

Altra critica del movimento riguarda le scuole materne, per le quali non sono ancora noti i risultati delle verifiche di vulnerabilità sismica, attesi per fine anno.

“Tirando le somme dunque molti edifici restano chiusi”, conclude il Movimento 5 Stelle, “e non si è proceduto alle ristrutturazioni che erano state calendarizzate. Noi avevamo previsto e annunciato tutto, ma come sempre si è preferito andare avanti e tirare diritto, provocando enormi disagi a tante famiglie”.

Ultima modifica: 13 gennaio 2018

In questo articolo