Sant’Egidio, padre e figlio intossicati dal monossido



Finiscono in ospedale per le esalazioni provenienti probabilmente dall’accensione di un vecchio camino.

Padre e figlio di 11 anni di Sant’Egidio, nella notte tra venerdì e sabato, sono stati trasportati d’urgenza all’ospedale di Sant’Omero per effetto dell’intossicazione da monossido di carbonio, causate con ogni probabilità dal cattivo funzionamento della canna fumaria del camino della propria abitazione.

 

 

I due sono stati poi trasferiti, per il trattamento in camera iperbarica, in un ospedale marchigiano, ma già ieri erano stati dimessi. L’allarme è stato dato da alcuni familiari.

Ultima modifica: 13 gennaio 2018

In questo articolo