Roseto, proroga di due mesi per i parcheggi a pagamento in centro



Colpo di scena per quanto riguarda i parcheggi a pagamento a Roseto. Il Comune ha infatti deciso di prorogare fino al 28 febbraio prossimo la validità del provvedimento che interessa la zona centrale della città, piazza della Repubblica dinanzi al municipio e via Adriatica.

La scadenza della fase di sperimentazione era stata fissata per questa zona per lo scorso 31 dicembre. Ma a sorpresa l’Ente ha deciso di andare avanti per altri 59 giorni. Tutto in attesa della nuova gara di appalto (i cui tempi tecnici richiedono almeno 60 giorni) per la gestione delle strisce blu. Le condizioni di pagamento restano le stesse, l’unica differenza riguarda la possibilità di abbonamento semestrale che, ovviamente, viene a cadere.

Resta la possibilità di acquistare l’abbonamento mensile. Il provvedimento interesserà circa 500 stalli con 12 parchimetri ancora attivi. A settembre invece era terminata la fase di sperimentazione di che aveva interessato quasi tutta la zona del lungomare e la piazza accanto al Palazzo del Mare.

L’amministrazione, nella predisposizione della nuova gara d’appalto, terrà conto delle indicazioni e dei consigli arrivati nei mesi precedenti da cittadini e associazioni di commercianti. Sarà, inoltre, fatto tesoro delle criticità evidenziate durante il lungo periodo di sperimentazione, da luglio a dicembre 2017.

“I parcheggi a pagamento sono una scelta irreversibile di questa amministrazione”, ha sottolineato il sindaco Sabatino Di Girolamo, “e nello stesso tempo devono essere uno strumento che permetta di venire incontro alle esigenze dei commercianti e dei cittadini. Noi faremo in modo di conciliare gli interessi di tutti, per assicurare il ricambio e la fluidità dei parcheggi stessi, nelle zone con forti attrattori di traffico per tutto l’arco della giornata”.

Secondo le forze di minoranza in Consiglio la Giunta avrebbe ancora una volta manifestato l’incapacità di amministrare una città come Roseto non avendo mai cercato il confronto per arrivare alla migliore soluzione sui parcheggi a pagamento. E la proroga di altri due mesi sarebbe la riprova di un’amministrazione che navigherebbe a vista.

Ultima modifica: 15 gennaio 2018

In questo articolo