Crollo discarica La Torre: assolto Gianni Chiodi, condannato Rabbuffo



ChiodiTeramo. Il giudice monocratico del tribunale di Teramo, Domenico Canosa, ha assolto con formula piena, perchè il fatto non costituisce reato, dall’accusa di disastro colposo, per il crollo della discarica La Torre, il governatore della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, allepoca dei fatti sindaco di Teramo.

Per lo stesso reato, invece, sono stati condannati a 16 mesi (pena sospesa), l’ex assessore all’ambiente Berardo Rabbuffo, ora consigliere regionale e il dirigente dello stesso settore del Comune aprutino, Nicola Di Antonio. Il pm Stefano Giovagnoni aveva chiesto, per Chiodi, una conadanna a 1 anno e 4 mesi. Il crollo si era verificato nel febbraio del 2006.

Prima della sentenza di oggi si era certi dell’assoluzione per prescrizione del reato dell’ex sindaco Angelo Sperandio, degli ex presidenti della Provincia Claudio Ruffini e Ernino D’Agostino, dell’ex dirigente della Provincia Ferdinando Di Sanza e delle dirigenti dell’Arta Maria Pia Gramenzi e Maria Daniela Marcozzi Rozzi.

Ultima modifica: 29 ottobre 2017

In questo articolo