Pineto, erosione spiaggia: “La Regione deve essere protagonista”



“Rispondere con un si o un no a un problema serio come quello dell’erosione costiera è ovviamente impossibile e sarebbe un modus operandi superficiale e irresponsabile. Non sono assolutamente contro la sistemazione di opere rigide a mare, ma occorre una attenta valutazione e ogni decisione deve tener conto dei parere degli esperti e essere condivisa con la comunità tutta. La spiaggia di Pineto è l’unica a non avere scogliere e sinora si è proceduto, a seguito di pianificazioni regionali del passato, con il ripascimento, azione che però, almeno nella zona Nord del lungomare, in particolare nella Pineta Catucci, ha avuto effetti limitati ai soli mesi estivi.

Il procedere con opere rigide a mare, se da una parte potrebbe essere considerato inevitabile, dall’altra potrebbe provocare, come i tecnici sostengono, effetti a catena, generando una erosione maggiore laddove le opere non ci sono e costringendoci poi a sistemare scogliere su tutta la costa. E’ un problema che vogliamo risolvere ascoltando tutti i portatori di interesse e soprattutto gli esperti”.

Con queste parole il Sindaco di Pineto, Robert Verrocchio, ha chiarito la posizione dell’Amministrazione Comunale relativamente al problema dell’erosione nel corso di un incontro in Municipio con alcuni operatori turistici e turisti che hanno abitazioni nella zona della Pineta Catucci. Presente all’incontro anche l’Assessore ai Lavori Pubblici e al Demanio Marittimo del Comune di Pineto, Cleto Pallini.

“E’ anche abbastanza anomalo – ha ribadito ancora il sindaco Verrocchio – che il Comune si vada a sostituire alla Regione in materia di pianificazione e difesa della costa. Le risorse regionali sinora ottenute, circa 950mila euro, non sono sufficienti neppure per gli interventi di questo tipo nel solo tratto della zona Catucci e se, come sostengono i tecnici incaricati, dovessero verificarsi effetti a cascata con la conseguenza di dover poi sistemare opere rigide in mare anche a Sud, le risorse non ci sono e l’ente regionale dovrebbe impegnarsi per l’assegnazione di altri fondi.

Sollecito a tal fine il Presidente della Regione D’Alfonso a dar seguito al suo impegno verso questa problematica, recentemente ha infatti parlato di uno stanziamento di ulteriori fondi.

Ringrazio davvero molto gli operatori turistici e i cittadini interventi all’incontro di questa mattina per il loro reale interesse per il bene pubblico e per trovare soluzioni per questo problema, ma è evidente che ogni azione ha una conseguenza e occorre analizzare tutte le variabili prima di procedere. Intanto il Comune procede celermente, nelle prossime settimane, infatti, verrà pubblicato il bando per il progetto definitivo e esecutivo del primo lotto di finanziamento ottenuto”.

Ultima modifica: 30 luglio 2018

In questo articolo