Pineto, lavori Calvano. M5S: “Nessuno studio sulla pericolosità idrica. Lo avete ammesso voi” VIDEO



Pineto. Continua la querelle tra Movimento 5 Stelle Pineto e Sindaco Robert Verrocchio in merito ai lavori sul Calvano.

 

L’interrogazione che i pentastellati hanno avanzato nel corso dell’ultimo consiglio comunale riguardava infatti il rifacimento del Ponte Zappacosta a Borgo Santa Maria e il rialzo delle sponde tra i ponti della SS16 e di via De Titta. In particolare, il consigliere Ferretti sosteneva che, dietro quei lavori, non ci fosse stato lo studio della pericolosità idrica.

Pronta è stata la risposta del primo cittadino: “Tali opere sono state portate avanti dalla Provincia di Teramo, ente preposto anche all’analisi idraulica delle stesse”.

Il Movimento 5 Stelle però non ci sta e diffonde il video dell’ultimo consiglio comunale per rendere noto a tutti, quanto è stato dichiarato nel corso dell’assise.

“Il Sindaco Verrocchio per quattro anni non ha mai risposto alle domande fatte dalle opposizioni e dal M5S in particolare, adesso con l’avvicinarsi della campagna elettorale si rende conto di dover iniziare a dare delle risposte e finisce per fare delle figure a dir poco ridicole.

Nel video, il Presidente del Consiglio, ammette candidamente ed onestamente, che studi idraulici sulla pericolosità dei lavori realizzati non sono stati fatti. Il Sindaco addirittura, nel tentativo di difendersi, vorrebbe far credere che i lavori sono stati fatti dalla Provincia e quindi il Comune non c’entra niente.

La documentazione che dimostra la carenza degli studi di pericolosità l’abbiamo presa proprio dal Comune, che è stato, ovviamente interessato dalla cosa, ma un Sindaco che non si preoccupa della sicurezza dei suoi cittadini, che Sindaco è? La risposta data da Verrocchio, dovrebbe avere come conseguenza le sue dimissioni per tacita ammissione di una conclamata inadeguatezza. Dire che la Provincia ha fatto dei lavori sul territorio da lui amministrato e non poter dire ai propri cittadini se sono stati esposti ad un aumento del rischio idraulico, è qualcosa che deve far preoccupare i cittadini e dovrebbe far vergognare il Sindaco. In sostanza lui, ha dato l’assenso per dei lavori, che potrebbero mettere a serio rischio la popolazione di Pineto, quella che vive lungo il corso del Calvano e se ne lava le mani dicendo che è colpa della Provincia? No caro Sindaco, la colpa è solo tua!

Dice poi che il mattatoio viene dismesso perché si trova in una zona soggetta ad allagamenti. Il mattatoio è sempre stato in quel posto e del pericolo allagamenti si è sempre saputo, il Sindaco in particolare conosceva la questione, visto che è in amministrazione dal 1997. Quindi, perché hanno speso soldi pubblici, tanti soldi pubblici, per metterlo a norma se sapevano di doverlo chiudere? Perché in Consiglio comunale dissero che lo avrebbero riaperto a breve?

Stendiamo un velo pietoso sugli otto milioni di euro, che potevano essere una grande possibilità per Pineto ed invece sono stati letteralmente buttati per colpa di una conclamata incapacità e per l’assenza totale di una prospettiva da dare a Pineto, oramai in crisi su tutti i settori. Degli otto milioni bisognava parlare prima con i cittadini, non dopo averli messi in quei capitoli che vi servono per fare campagna elettorale.

Questa si chiama “presa in giro”. Tuttavia, l’impressione che si ha è che questa volta, anche la ipocrita propaganda, non basti più al cospetto di tanta ed evidente incapacità”.

Ultima modifica: 7 agosto 2018

In questo articolo