Teramo, l’Ordine degli Architetti lancia un concorso di idee per ripensare la città



L’Ordine degli Architetti PPc della provincia di Teramo ha proposto ai propri iscritti uno spazio di riflessione sulla città di Teramo, allo scopo di innescare un percorso partecipativo e di coinvolgimento con la futura amministrazione ed i cittadini, in modo da contribuire alla programmazione urbanistica, sociale e culturale della città.

L’iniziativa, denominata “TE.R.URB _2018”, è riservata, nella parte attiva, agli iscritti all’Ordine, ma si rivolge, per quanto riguarda la condivisione, a tutti i portatori di interesse, e vuole diventare un incubatore di idee e progetti per la città del terzo millennio, sulla base di alcune azioni chiave: progettazione urbanistica e nuovi spazi urbani attraverso la riqualificazione e la risignificazione degli spazi pubblici e dei grandi contenitori della città.

L’obiettivo è di raccogliere, individuare, presentare e dare ascolto a proposte innovative ed efficaci che, reinterpretando spazi comuni, siano essi del centro storico o periferia, possano contribuire a migliorare la qualità della vita dei cittadini e la loro relazione con le città e tra le persone.

Il format, sotto forma di proposte, idee, riflessioni, vuole essere anche una opportunità per riflettere sulle realtà dei luoghi, sulle esigenze ed i cambiamenti della città, e sulle nuove abitudini urbane contemporanee, diventando l’occasione per individuare, a partire dal centro storico, i caratteri qualificanti di una nuova idea complessiva degli spazi aperti e per delineare linee strategiche a più vasta azione che possano contribuire alla riqualificazione urbana dell’intero territorio teramano.

Gli elaborati pervenuti, in forma di idee, testi, disegni, ecc., saranno periodicamente pubblicati su un quotidiano locale e sui canali web dell’Ordine e formeranno oggetto di riflessione e confronto sia con i futuri candidati sindaci e amministratori che con la nuova amministrazione, coinvolgendo cittadini, associazioni e forze sociali della città.

Ultima modifica: 19 aprile 2018

In questo articolo