Teramo, migranti portabandiera ed interpreti alla Coppa Interamnia



Saranno circa 35 i beneficiari del progetto SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) gestito dalla Cooperativa sociale “Tre Fontane” e quelli provenienti dai CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria) gestiti dalla Coop Medi Hospes, a partecipare alla Parata Inaugurale della 46a Interamnia World Cup in qualità di portabandiera delle squadre partecipanti al torneo internazionale di pallamano.

Provengono, in particolare, dal Centro SPRAR di Teramo, dallo SPRAR di Roseto, dal CAS Campli e Civitella del Tronto, CAS Basciano e CAS Canzano.

È stato inoltre siglato il protocollo di intesa per la collaborazione di 8 volontari, tra i beneficiari del Progetto SPRAR del Comune di Teramo, che svolgeranno gratuitamente l’attività di mediazione linguistica con gli atleti ed eventuali altre attività, nell’intero periodo di svolgimento della Coppa.

Il protocollo nasce in attuazione del progetto “WELFARESPORT 2”, che prevede di sostenere in sinergia le attività connesse alla realizzazione di una manifestazione di “rilevante interesse sportivo, culturale, turistico e sociale” come la Interamnia World Cup.

Ultima modifica: 4 luglio 2018

In questo articolo