Da Torricella Sicura a Roma per partecipare alla Storica Infiorata



infiorata romaTorricella Sicura. Da Torricella a Roma per partecipare alla Storica Infiorata, in occasione del V Congresso internazionale delle Arti Effimere, in programma nella capitale da oggi al 29 giugno.

A rappresentare l’Abruzzo, tra i 200 delegati e 1.500 maestri infioratori provenienti da tutto il mondo, sarà l’Associazione Infiorate Artistiche “TruciolinArte” di Torricella con una delegazione composta dalla presidente, Barbara Monaco, dalla vicepresidente Giovanna Procaccia e dal co-direttore artistico, Gianni Tarli.

All’interno del Concorso promosso per celebrare l’evento, l’associazione ha realizzato con la peculiare tecnica a base di trucioli e segature colorate una rappresentazione del logo del V Congresso di Roma.

“Un’idea che è già stata molto apprezzata dalla Pro Loco di Roma e dagli altri organizzatori dell’evento per la sua originalità  – spiega la Monaco – e che abbiamo voluto caratterizzare territorialmente, inserendo il logo della Manifestazione all’interno di una cornice ispirata alle maioliche cinquecentesche di Castelli. Per l’Infiorata Storica, invece, andremo a realizzare il Mosè di Michelangelo, raffigurato  in una cornice presente all’interno della Cupola di San Pietro, anch’essa disegnata dall’artista: simbolicamente vogliamo riportare il Mosè nel sito in cui Michelangelo avrebbe voluto collocarlo”.

Durante la lunga e suggestiva nottata, che si protrarrà dalla sera di sabato fino alla mattina del giorno successivo, per decorare con uno spettacolare percorso floreale di oltre 3mila metri quadri Piazza Pio XII e tutta via della Conciliazione, lavoreranno senza sosta alla realizzazione del tappeto del Mosè 25 maestri infioratori dell’Associazione torricellese: un’opera che richiederà almeno 16 ore.  

Alle 9 di domenica, per la festa dei patroni SS. Pietro e Paolo, ci sarà l’inaugurazione del percorso dei tappeti floreali, alle 10 le sfilate dei gruppi folk e delle bande musicali; alle 11 la Santa Messa, l’Angelus e il saluto di Papa Francesco agli infioratori.

“La partecipazione della locale associazione a questo evento – evidenzia il sindaco di Torricella, Daniele Palumbi – ci riempie d’orgoglio e porta l’antica arte locale delle decorazioni floreali, che ogni anno rivive nell’Infiorata del Corpus Domini, in un consesso di livello mondiale. Un ringraziamento all’Associazione per il lavoro portato avanti in questi nove anni di attività, sempre con il convinto sostegno dell’Amministrazione comunale e della locale Parrocchia, guidata da don Adamo Varanesi”.

“L’auspicio –  conclude l’assessore alla Cultura, Marco Di Nicola – è che questo percorso trovi il giusto riconoscimento arrivando ad ottenere per Torricella la denominazione ufficiale di Città dell’Infiorata, che contribuirebbe a valorizzare il nostro territorio dal punto di vista artistico e culturale, con un importante ritorno anche sotto il profilo turistico”. 

Ultima modifica: 29 ottobre 2017

In questo articolo