Civitella del Tronto, migranti in arrivo, D’Alessio: il sindaco faccia chiarezza



Civitella del Tronto. Questione migranti, i 70 migranti, che dovrebbero arrivare a breve in una struttura cittadina, tra Rocche e Civitella.

 

 

 

A sollevare nuovamente il caso è Luca D’Alessio, capogruppo di Impegno Civico, che chiede in maniera ufficiale all’amministrazione comunale di gettare la maschera e di dire la veritĂ .

Diversi gli interrogativi posti dal consigliere comunale e l’accostamento con fatti a situazioni.

 

“Come mai è stata rilascia una autorizzazione a tempo di record? “si interroga Luca D’Alessio.

Pare che il progettista incaricato alla presentazione della richiesta di autorizzazione sia stato candidato nella lista dell’attuale sindaco.

A detta di un assessore è stato già selezionato il personale che lavorerà nel centro.

Se l’Amministrazione mente su queste notizie che interessano tutta la collettività di Civitella e non solo la cittadina di Rocche, non può essere credibile su nulla.

 

 

Senza essere tacciati di razzismo, raccogliendo le preoccupazioni della popolazione locale e ritenendo che l’eventuale accoglimento dei migranti non possa essere operazione imposta dall’alto senza il coinvolgimento della popolazione locale”.

Poi altri interrogativi ai quali D’Alessio chiede una presa di posizione da parte dell’esecutivo.

 

Quali saranno le ripercussioni rispetto all’ordine pubblico e all’economia civitellese che si regge sul turismo?

Chi provvederĂ  all’assistenza sanitaria?” prosegue.

Chi sarĂ  a lucrare su detta operazione?

Ci sono dei minori? Se si, in quale modo si provvederĂ  alla loro assistenza scolastica?

Pare che il Sindaco dica che è costretta dalla legge ad ospitare il Centro. Visto che è un avvocato, ci dica qual è la legge di cui parla.

Questi sono interrogativi che ci poniamo tutti e che meritano una risposta immediata da parte dell’Amministrazione comunale”.

Ultima modifica: 2 novembre 2017

In questo articolo