Atri non si tocca: ‘fallito il progetto politico sulle strutture sportive’



Atri. “Doveva arrivare la Santa Pasqua per ritornare a sentire l’Assessore allo Sport (ndr, Umberto Italiani) parlare dell’imbarazzante problematica del Centro Turistico Integrato”.
Lo ha denunciato il Movimento Civico Atri non si tocca, precisando che “in tutti questi mesi alle argomentazioni tecniche-giuridiche di questo movimento sulla questione C.T.I., argomentazioni super partes sempre finalizzate a tutelare interessi collettivi, l’assessore ha preferito (e lo capiamo) non rispondere, oggi, invece, è risorto e si è spinto al punto tale di permettersi di attaccare un’associazione sportiva locale. A questo punto come può l’Assessore allo sport essere compatibile con il proprio ruolo di guida politica e garante dello sport cittadino se attacca pubblicamente un’associazione che permette a giovani del luogo di praticare attivitĂ  sportiva tra l’altro gratuitamente e di trasmettere loro i sani valori e principi dello sport? Ma dove si vuole arrivare? Stiamo ormai assistendo ad uno spettacolo indecente di cui tutti i protagonisti politici sono colpevoli perchĂ© nessuno ha il coraggio di porre la parola fine a questo scempio. Assessore diciamo le cose come stanno: ha preferito in questi anni portare avanti un progetto politico, cioè quello di affidare il C.T.I. a privati, e non si è preoccupato minimamente di attuare una politica interventistica sulle altre strutture sportive pubbliche”.

Secondo Atri non si tocca “il risultato è che il progetto è miseramente fallito, e le strutture pubbliche sono ancora chiuse (il PalaAlessandrini riaprirĂ  forse, ma in tutti questi anni in cui è stato chiuso a cosa pensavate?). Come è possibile che tutte le forze politiche, nel momento in cui uscì il bando per l’affidamento del C.T.I., preventivarono la fine imminente di questo progetto e le difficoltĂ  conseguenti che avrebbero incontrato le associazioni sportive. Come è possibile che proprio la nostra giunta, cioè la guida politica della nostra cittĂ  che viene retribuita con soldi pubblici, a differenza di tutti noi altri non si fosse accorta che questo progetto non avesse alcun futuro? Quando succede questo allora si deve avere l’umiltĂ  e la serietĂ  di fare un passo indietro e per rispetto della cittadinanza si cambia ad Atri invece succede l’opposto e se un politico (retribuito con soldi pubblici) sbaglia si permette anche di attaccare chi consente lo sviluppo sano dei giovani. Non scherziamo ora basta, basta veramente. Atri ha bisogno di nuova linfa, Atri ha bisogno di nuove idee, Atri ha bisogno di una politica coraggiosa e competente che non si limiti solo a fare il conteggio dei voti (ma quali voti poi?) perchĂ© Atri sta decadendo così facendo. In questi anni per lo sport si sono persi importanti finanziamenti, non si è intervenuto sulle strutture esistenti, le opere da realizzare nel C.T.I. annunciate pubblicamente sui quotidiani dall’assessore Italiani all’epoca del bando non le ha viste nessuno. Non si è intervenuti sull’efficientamento energetico degli impianti per risparmiare, in otto anni di mandato non si è riusciti neanche a rimettere un palo dell’illuminazione del campo sportivo, si gioca in deroga in quasi tutti gli impianti sportivi. Basta? O si vuole perdere ancora tempo? Chi dimostrerĂ  il coraggio di cambiare vorrĂ  veramente una cittĂ  migliore, chi penserĂ  solo a contare i voti per assicurare il proprio futuro politico non vorrĂ  mai una cittĂ  migliore”.

Il Movimento vuole una “cittĂ  diversa”, cioè “una cittĂ  migliore” anche nello sport.

Ultima modifica: 2 novembre 2017

In questo articolo