Ricostruzione, Sottanelli incontra il commissario De Micheli: in arrivo un nuovo decreto



“Ho incontrato ieri a Roma il Commissario Straordinario alla Ricostruzione Paola De Micheli e le ho rappresentato le tante problematiche che mi sono state sollecitate sul territorio da cittadini, amministratori, professionisti e dalle associazioni di categoria coinvolte nella filiera della ricostruzione.

 

Il Commissario ha un quadro ben preciso della nostra situazione, mi ha confermato la volontà di intervenire al più presto, anche con un nuovo decreto specifico, per snellire alcune procedure e accelerare la ricostruzione, migliorando le norme già messe in campo dal governo e dal Parlamento. È necessaria la massima collaborazione di tutte le istituzioni coinvolte affinché il Commissario possa intervenire nel modo più adeguato con il sostegno di tutti, per questo invito tutti a lavorare nell’interesse del territorio, già nella prossima Legge di Bilancio è necessaria la più ampia condivisione per mettere in campo le prime soluzioni possibili”.

 

E’ quanto dichiara l’onorevole Giulio Sottanelli, deputato e presidente di Abruzzo Civico, in seguito a un incontro con il Commissario per la Ricostruzione Paola De Micheli con la quale ha condiviso alcune delle principali problematiche della ricostruzione post-sisma e le difficoltà segnalate dalle imprese rispetto alla Zona Franca. “Gli sgravi e le misure legate alla zona franca hanno bisogno di essere meglio definite, ho chiesto alla De Micheli di migliorare questa norma per permettere ad un numero maggiore di imprese di aderire” spiega Sottanelli “c’è inoltre il tema dell’accavallamento di alcune norme con quelle precedenti per il post-sisma del 2009, ed è necessario semplificare e rendere la vita più semplice ai Comuni, ai professionisti e alle imprese affinché la ricostruzione possa procedere speditamente e nella piena trasparenza.

 

Il Commissario è consapevole di queste problematiche e conosce bene la situazione e il territorio abruzzese e teramano, le risorse sono state stanziate, serve solo migliorare l’applicazione e la definizione delle norme per venire incontro alle esigenze dei cittadini e delle attività danneggiate dal sisma”.

 

 

Ultima modifica: 14 gennaio 2018

In questo articolo