Concessioni demaniali, l’Abruzzo chiede proroga di 30anni: nuovo vertice a Pescara



Proroga di trent’anni per le attuali concessioni. La previsione di fuoriuscire dalla “direttiva servizi” dell’Unione europea, meglio conosciuta con il nome del ex commissario Bolkestein.

 

 

 

 

Sono attesi a decine, i balneatori abruzzesi aderenti alla Cna, che domani mattina, 11 marzo, si riuniranno in assemblea a Pescara per decidere ulteriori forme di mobilitazione.

Con loro, e le loro richieste, si confronterà – nel corso dell’incontro, aperto agli organi di stampa, che avrà inizio alle 10,30 nella sede della confederazione artigiana, in via Cetteo Ciglia 8 – un parterre di ospiti istituzionali di prim’ordine: il vicepresidente della Regione Abruzzo, e coordinatore nazionale degli assessori al Turismo, Giovanni Lolli; la senatrice Manuela Granaiola, presentatrice di un disegno di legge a Palazzo Madama; il parlamentare Gianluca Fusilli; il presidente dell’Anci Abruzzo, Luciano Lapenna; il consigliere regionale Luciano Monticelli; l’avvocato Ettore Nesi, consulente nazionale dei balneatori Cna. L’incontro sarà aperto dal presidente nazionale dei balneatori Cna, Cristiano Tomei, e coordinato dal direttore regionale della Cna Abruzzo, Graziano Di Costanzo.

Ultima modifica: 2 novembre 2017

In questo articolo