Olio tunisino, l’Abruzzo lavora ad un sistema di tracciabilità e controlli



Importazioni di olio tunisino: la Regione lavora ad un vero sistema di tracciabilità e il rafforzamento dei controlli per la valorizzazione dell’olivicoltura italiana e abruzzese.

“La decisione dell’Unione Europea che consente di incrementare l’importazione di 35 mila tonnellate di olio d’oliva tunisino senza dazio (che vanno ad aggiungersi alle 56.700 già previste), rappresenta un campanello di allarme per l’olivicoltura italiana e abruzzese.” E’ quanto affermato dall’assessore regionale all’agricoltura Dino Pepe alla luce del provvedimento adottato, finalizzato a sostenere l’economia della Tunisia.

“Il vero problema – continua l’assessore – non è da ricercarsi nella mera importazione di prodotto (dobbiamo prendere atto che nel nostro Paese la domanda interna è di circa 800.000 mila tonnellate a fronte di una produzione nazionale di 400.000 mila tonnellate di olio) quanto nella scarsa tracciabilità dei prodotti. Con il sistema di leggi vigenti, infatti, l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza può essere ottemperato con diciture del tipo ‘miscela di oli di oliva originari dell’Unione europea e non originari dell’Unione’, non dando risalto alle molteplici cultivar italiane e abruzzesi seppur è presente un marchio italiano in bella vista, beneficiando indebitamente della buona reputazione del Made in Italy oleario.  Pertanto è necessario – continua Pepe – dare piena attuazione alle norme già varate con la legge salva olio ‘Mongiello’ che istituisce i controlli per la valutazione organolettica ai regimi di importazione per verificare la qualità merceologica dei prodotti in entrata e parallelamente sviluppare campagne di sensibilizzazione verso i consumatori a scegliere oli DOP italiani o etichettati cento per cento italiani”.

“Questo darebbe risalto anche all’olivicoltura Abruzzese, conclude l’assessore, che è uno dei comparti economici più importanti: basti pensare che in Regione si contano 6 milioni di piante su circa 46mila ettari che rappresentano il 50% della superficie agricola arborea utilizzata, con oltre 300 frantoi e tre Dop presenti nelle province di Chieti (colline Teatine), Pescara (Aprutino Pescarese) e Teramo (Petruziano delle colline teramane)”, conclude Pepe.

Ultima modifica: 2 novembre 2017

In questo articolo