Indennità guardie mediche: tutti i dubbi del M5S VIDEO



Abruzzo. I Consiglieri regionali del Movimento 5 stelle Sara Marcozzi, Domenico Pettinari e Pietro Smargiassi hanno tenuto una conferenza stampa al termine dei lavori della Commissione Salute riguardo le indennità delle Guardie mediche.

 

Uno sciacallaggio politico sulla pelle dei cittadini” è stato definito così dai consiglieri regionali Domenico Pettinari, Sara Marcozzi e Pietro Smargiassi, l’azione compiuta questa mattina nel corso della V commissione da Forza Italia e Pd. “La legge in discussione , quella sulla restituzione delle indennità per le guardie mediche, è stata l’input per svelare il disegno di Forza Italia e PD, entrambi firmatari di una legge forse volutamente lacunosa e che non segue le più elementari indicazioni della Corte dei Conti mettendola a rischio di un richiamo della stessa Corte nonché di un’impugnazione da parte del Governo centrale“ spiega Domenico Pettinari “L’obiettivo, molto probabilmente, è quello di scaricare la responsabilità sul Governo M5S-Lega di una vicenda partita già dal 2006 in Regione Abruzzo, non risolta dal Governo Chiodi e addirittura peggiorata dal Governo D’Alfonso. Appena ci siamo accorti delle lacune della legge, che vogliamo votare favorevolmente” spiega ancora Pettinari “abbiamo immediatamente presentato due emendamenti che ne correggessero l’impostazione così da rendere la legge risolutiva e non impugnabile. Emendamenti respinti in commissione da Forza Italia e Pd con la sconvolgente motivazione di auspicare in un intervento lobbistico del M5S Abruzzo sul proprio Governo”.

“Quello che è accaduto oggi in commissione e che pensiamo possa dare inizio a una brutta abitudine è un atto di puro sciacallaggio” afferma Sara Marcozzi “ Non risolvere volutamente il problema oggi, sperando di mettere all’angolo un Governo neonato presentandogli una legge mal scritta auspicandone, neanche troppo velatamente, l’impugnazione, è un atto politico ed istituzionale di una gravità inaudita. Un gioco di potere che vede come uniche vittime cittadini e lavoratori inermi”.

“Ascoltare l’Assessore Paolucci” conclude Pietro Smargiassi presente in V commissione con Pettinari “asserire che si rinvia a Roma la decisione definitiva, svincolando Regione Abruzzo da ogni responsabilità è stato un colpo di mano che gli abruzzesi non meritano”.

Ultima modifica: 12 giugno 2018

In questo articolo