Pianella, completati gli interventi di efficientamento energetico



A Pianella sono stati già portati a termine gli interventi per ammodernare ed efficientare la rete di pubblica illuminazione installando altri 14 pali stradali fotovoltaici.

I lavori hanno interessato l’intero territorio comunale e consentiranno, da una parte, di conseguire un risparmio energetico significativo e, dall’altra, di risolvere alcune problematiche legate a linee fatiscenti che richiedono interventi strutturali.

Il contratto da 346.806,42 euro, sottoscritto con Menowatt ge spa, non graverà sulle casse comunali dato che l’importo occorrente sarà integralmente finanziato dai risparmi conseguiti sulla bolletta energetica, mentre l’implementazione delle linee interrate ed alcuni ulteriori corpi illuminanti autoalimentati, vengono finanziati per il tramite dei privati che hanno risposto al bando per le urbanizzazioni in cambio di credito volumetrico.

“Siamo riusciti ad individuare una formula finanziaria innovativa che presenta margini di risparmio significativi”, ha detto il sindaco Sandro Marinelli, “basti pensare che con questo intervento il risparmio previsto è del 42 % sui consumi attuali, garantito da una polizza fidejussoria, risparmio che è stato interamente investito nell’ammodernamento della rete di pubblica illuminazione che oggi rappresenta un elevato incremento del livello di sicurezza generale, anche per le aree periferiche, considerando soprattutto che riusciamo a farlo puntando molto su tecnologie rinnovabili che testimoniano la grande attenzione di questa amministrazione sul fattore ambientale”.

“Un investimento notevole”, afferma l’assessore ai lavori pubblici Faieta, “completato in tempi veramente brevi. Si tratta di un primo intervento che intendiamo implementare ulteriormente per superare definitivamente le problematiche esistenti e rendere le nostre linee moderne ed efficienti. Il criterio che ha guidato la nostra azione, conclude il vide sindaco, e’ stato prioritariamente quello di migliorare la visibilità negli snodi stradali a rischio, utilizzando tecnologie che guardano al risparmio con elevati standard qualitativi”.

Ultima modifica: 15 gennaio 2018

In questo articolo