Eccellenza, Di Eleuterio mette paura al Nereto: prodezza di Chiacchiarelli per il pari VIDEO



Nereto: Di Giuseppe, D’Andrea (31’st Moretti), Leone, Veccia, Tarquini, Zeetti, Kone (27’st Antonacci), Florimbj (15’st Cerasi), De Vecchis, Chiacchiarelli, Pagliuca (25’st Arciprete). A disp. Pirozzi, Scianitti, Di Natale, Spahiu, Galli. All. Di Serafino

 

Renato Curi Angolana: Abate, Di Pietrantonio, Maloku, Cipressi, Giammarino (43’st Lahbi Moumir), Ballanti (40’st Montefalcone), D’Antonio (24’st Pompei), Buffetti, Bizzarri, Di Eleuterio (24’st Zippilli), D’Alonzo. A disp. Di Pasquale, Marramiero, Ruggieri, Bianco, Fabrizi. All. D’Eugenio

 

Arbitro: Renzi di Pesaro (Bosco-Sica)

 

Reti: nel set, 17’ Di Eleuterio (A); 35’ Chiacchiarelli (N)

Note. Angoli 1-4. Ammoniti: Leone (N), Maloku, D’Alonzo e Zippilli (A). Recuperi: 1’, 5’

 

 

La perla balistica di Chiacchiarelli, ad una manciata di minuti dalla fine, regala ad un Nereto non sempre lucido in fase di costruzione, un pari che al tirar delle somme, va accolto in maniera positiva per i rossoblù, anche alla luce di come si era messa la partita.

La Renato Curi Angolana, al contrario, fa un’ottima figura. Sul piano dell’atteggiamento tattico e dell’aggressività in campo, gli uomini di D’Eugenio, offrono una prova quasi inappuntabile. Forse, al tirar delle somme, agli ospiti, manca un pizzico di lucidità sotto porta, che avrebbe forse disegnato un finale diverso.

In ogni caso la contesa, soprattutto nella ripresa, è assolutamente godibile sul piano del ritmo e delle occasioni prodotte.

In avvio il Nereto prova a fare la voce grossa, ma l’Angolana concede pochissimi spazi e per i rossoblù, a tratti lenti nella fase di impostazione, trovar varchi è complicato. Il Nereto è pericolo in avvio, al 6’, con il dialogo Chiacchiarelli-Pagliuca, ma il traversone basso del centrocampista non trova compagni pronti all’appuntamento. Mentre al 17’ De Vecchis conclude alto una rifinitura di Pagliuca.

L’Angolana, fino a quel momento brava nella fase di non possesso, non rinuncia a pungere. Ci vuole super Di Giuseppe al 35’ per dire di no al destro volante di Bizzarri. Prima del riposo, Buffetti, azionato da Maloku, schiaccia sul fondo la palla del possibile vantaggio.

La ripresa è decisamente più emozionante. Sul piano del ritmo e della convenzione, il team di Di Serafino prova ad essere più presente. Chiacchiarelli è ispirato: al 10’ la sua battuta dal limite sibila alta sulla trasversale. La partita vive il momento più avvincente, anche perché gli ospiti hanno birra in corpo per ripartire. Al 15’ Di Eleuterio sfiora il vantaggio. Vantaggio che è nell’aria, visto che due minuti più tardi un errore in disimpegno dei rossoblù favorisce la ripartenza Angolana con Bizzarri che serve un assist al bacio a Di Eleuterio.

Il Nereto accusa il colpo, anche perché le distanze tra i reparti restano ampie e l’Angolana è tatticamente attenta. Di Serafino, in rapida sequenza, irrobustisce la linea avanzata e con l’innesto di Arciprete, in luogo di Pagliuca, gioca con 4 attaccanti. Al 35’ ci vuole una super prodezza di Chiacchiarelli, che dai 30 metri disegna una punizione di rara precisione e potenza che non dà scampo ad Abate.

Il popolo rossoblù riprende fiato ed entusiasmo, ma l’Angolana ha ancora birra per far male. Al 39’ Zippilli colpisce a colpo sicuro ma Tarquini, salva nei pressi della linea di porta. Ospiti ancora pericolosi al 39’ con Bizzarri, che sparacchia fuori un assist di Maloku. In finale resta comunque appassionante, con il Nereto che punge in pieno recupero con De Vecchis, che incorna alto. Finisce 1-1 e al tirar delle somme entrambi gli allenatori possono ritenersi soddisfatti.

 

 

Ultima modifica: 16 settembre 2018

In questo articolo