Promozione, Montorio senza freni: battuto anche il Borgo Santa Maria (3-1) VIDEO



Montorio ’88: Ricci, Pizii, Maselli, D’Alessandro, Di Silvestre, Marini, Di Stefano (32’st Lolli), Ridolfi (47’st Marano), Pigliacelli, Faragalli (19’st Ioannone). A disp. Merlini, Acciari, Shabani, De Marcellis, Arrighetti, Furia. All. Bruno Di Luigi

 

Borgo Santa Maria: De Petris, D. Assogna, Berardinucci (30’st Valentini), Adorante, Sehitaj, Angeletti (40’pt L. Assogna), Amelii (18’st D’Attanasio), Iommarini, Ragnoli, Pellone (37’st Maniero), Bonaduce (10’st Pacchione). A disp. Gaspari, Di Clemente. All. Nicolino Lalloni

Arbitro: Pellegrino di Teramo (Flaviano e Grazia Pia di Vasto)

 

Reti: 6’pt Salvi (M), 44’pt e 9’st Pigliacelli (M), 25’st L. Assogna (B)

 

Note. Angoli 6-5. Ammoniti: Di Silvestre, Ridolfi, Pigliacelli, Faragalli (M); Sehitaj, Pellone (B). Recuperi: 1’, 5’

 

Montorio al Vomano. Il Montorio riprende il discorso laddove lo aveva interrotto prima della sosta. Con una vittoria, convincente, la quarta in serie. Che rilancia le quotazioni dei gialloneri nel borsino dei play-off. Affermazione limpida quella della squadra di Bruno Di Luigi ai danni del Borgo Santa Maria che sconfitta a parte, resta la rivelazione del girone A di Promozione.

Sul terreno pensate del Pigliacelli, il Montorio abbina lucidità nella gestione del match e forza fisica, decisiva poi per indirizzare giusta gli episodi. Il Borgo parte meglio, ma poi scompare dalla sfida, solvo poi provare a tornare in linea di galleggiamento, quando poi è oramai troppo tardi. I rossoblù di Lalloni provano a spaventare gli avversari in avvio. Al 3’, nello spazio di pochi istanti, nell’area giallonera si creano due situazioni propizie. Ragnoli viene murato al momento della conclusione, poi sull’angolo successivo, Davide Assogna sparacchia alto da due passi. Assorbito lo spavento, il Montorio spezza gli equilibri al 6’. Bello lo sviluppo della manovra: D’Alessandro per Pigliacelli che assiste l’inserimento di Salvi che con il tocco sotto elude De Petris.

Il Montorio potrebbe vanificare il tutto poco dopo, quando un pallone perso in uscita dà via libera ad Amelii: provvidenziale la chiusura di D’Alessandro quando l’esterno è pronto alla battuta in porta. Con il passare dei minuti, il Borgo, però, smarrisce le certezze di avvio di gara, mentre il Montorio aumenta ritmi e qualità delle giocate. Minuto 27’: Pigliacelli, tra i migliori, rifinisce per Faragalli: la conclusione da due passi è svirgolata. Ancora Montorio. De Petris è eroico nell’opporsi alla stoccata ravvicinata di Pigliacelli sulla rifinitura di Ridolfi. Ed è ancora l’estremo rossoblù ad opporsi, al 34’, alla battuta di Faragalli. Il bravo De Petris, però, incassa il gol del 2-0 nella maniera più maldestra, al 44’, quando sulla pressione di Pigliacelli gli scarica addosso il rinvio, con la sfera che carambola nella porta sguarnita.

I gialloneri di casa sentono il sangue della preda e continuano ad azzannarla anche in avvio di ripresa. Al 9’ arriva il tris che nella sostanza chiude ogni discorso. Sul traversone di Faragalli dalla destra, la chiusura della difesa avversaria non è delle migliori e per Pigliacelli è quasi un gioco da ragazzi controllare e spedire nel sacco. Sfida chiusa? In pratica sì. Il Borgo ci mette un po’ a riemergere e lo fa al 25’ con un guizzo sull’asse Ragnoli (tacco), Lorenzo Assogna, che scarica in porta un esterno destro molto godibile. Il Montorio abbassa i ritmi e resta in controllo, provando sempre a pizzare il contropiede.

Nel finale Ricci, al 40’. Si esalta in due circostanze su Sehitaj. E’ alto il tentativo di Iommarini, al 45’, mentre in pieno recupero De Petris evita un passivo peggiore ai suoi, opponendosi con il corpo al tentativo di Ioannone. La sostanza però non muta e il Montorio, che ora ha trovato continuità, resta lanciato verso il gruppo delle battistrada.

 

 

 

Ultima modifica: 6 gennaio 2019

In questo articolo