Volley, la Sieco Service batte Club Italia Roma



Ortona. Il mercoledì al gusto di volley è servito, e la Sieco Service Impavida Ortona va in scena al Palazzetto dello Sport contro il Club Italia Roma di coach Totire.

 Giornata importante e corsa finale delle squadre impegnate nel 71°Campionato di Serie A2. Per i padroni di casa si parte con capitan Lanci al palleggio e opposto Soonias, schiacciatori Borgogno/ Di Meo, al centro Simoni e Sesto, libero Cortina. Club Italia risponde con Zoppellari in regia e opposto Argenta, schiacciatori Zonca e Margutti, al centro Di Martino/Galassi, libero Piccinelli.

 La gara inizia in equilibrio, con le squadre che si studiano. ( 3-3) Sesto è l’uomo di inizio match. Muri per lui come caramelle e la Sieco è avanti 10-7. Errori in casa Impavida regalano una nuova parità sul 10-10. I ragazzi di coach Totire non le mandano a dire e continuano a mettere in difficoltà gli impavidi (14-13). L’ace di Simoni fa prendere una boccata d’aria ai locali (19-16). Sul 20-18 coach Lanci ferma il gioco per parlare con i suoi. Zoppellari è pericoloso al servizio e il Club Italia si riporta in parità 20-20. Sesto continua ad essere una muraglia umana. Di Meo chiude in ace 25-21.

 Secondo set con formazioni invariate. Ortona subito avanti 6-4. Il muro di Galassi su Di Meo dona il primo vantaggio romano sul 6-8. Capitan Lanci non ci sta e segna il 9-9. Club Italia di carattere rientra in panca al timeout tecnico avanti 9-12. Sesto si trasforma e continua a fermare qualsiasi pallone voglia passare. Sieco in recupero 12-13. L’azione corale di una Sieco “impavida” è il pareggio del 16-16. Sul 18-16 entra Tofoli al posto di Zoppellari. Sul nuovo 19-19 la panchina ortonese ferma tutto. Simoni mette in difficoltà la ricezione avversaria. La squadra di casa avanti 21-19. Soonias allunga per il 23-20. L’azione del 24-22 è forse la più bella dell’intera stagione. Difese da manuale per gli ortonesi che fanno esultare l’intero palazzetto. Nonostante la grinta abruzzese, il Club Italia merita la nuova parità sul 24-24. I ragazzi di Totire annullano due palle set e il gioco si allunga. Solo Borgogno può mettere giù un grande ace per vincere 29-27.

 Terzo parziale al via e padroni di casa avanti 5-2. I talenti capitolini rientrano con la testa in campo e si avvicinano sino al 7-5. Di Meo ferma Galassi sul 10-5 e Totire chiama timeout. La Sieco Service continua la sua marcia. Di Meo di rabbia mette giù il 15-9. Osak e Gaia in campo al posto di Margutti e Argenta (16-10). Ortonesi concentrati e poco fallosi allungano sino al +10 (21-11), mentre il Club Italia si spegne. Questa è la squadra che deve e può continuare a sognare. Il set si chiude 25-14.

 L’Impavida Ortona vince 3-0 davanti al suo pubblico e già da domani sarà a lavoro per preparare al meglio la trasferta di domenica 13 marzo in terra pugliese.

 Nicola Sesto: “ E’ stata dura soprattutto perché ancora una volta non eravamo al completo ma abbiamo dato tutto. Testa e cuore e tanto carattere”.

 Pietro Di Meo: “ Sapevamo di dover affrontare una gara delicata ma siamo entrati con l’atteggiamento giusto in campo. Il Club Italia ha giocatori talentuosi e questo va detto. Noi dovevamo vincere e lo abbiamo fatto davanti al nostro pubblico”

Arbitri: Licchelli Antonio (Reggio Emilia) e Montanari Massimo (Ravenna)
SIECO IN TV: La gara Sieco Service Impavida Ortona – Club Italia Roma sarà trasmessa in Differita su Rete8 Sport giovedì 10 marzo alle ore 16.15 e 23.15.
Appuntamento con “PallaVolley” giovedì 10/03 alle ore 22.15 sempre su Rete8Sport.
SIECO SOCIAL: aggiornamenti, foto e curiosità su Facebook, Twitter, Instagram Sieco Impavida Ortona

SIECO SERVICE IMPAVIDA ORTONA – CLUB ITALIA ROMA 3-0 (25-21/29-27/25-14)
SIECO SERVICE IMPAVIDA ORTONA:Simoni 6, Guidone n.e., Matricardi n.e., Ceccoli n.e., Sesto 12, Soonias 6, Cortina L, Toscani, Di Meo 11, Lanci 4, Paoletti, Borgogno 15, Orsini n.e. Allenatore: Nunzio Lanci
CLUB ITALIA ROMA: Piccinelli L, Margutti 6, Caneschi 1, Zoppellari, Zonca 8, Osak, Marta L, Argenta 10, Galassi 12, Gaia 1, Tofoli, Di Martino 9. Allenatore: Michele Totire

foto Michela Musciani

Ultima modifica: 2 novembre 2017

In questo articolo