La Tombesi torna al successo: 6-3 a Montecatini



Montecatini. La Tombesi apre il suo girone di ritorno con una convincente vittoria sul campo della CS Gisinti Pistoia, sale a quota 28 punti e conferma il primato in classifica, a +1 sul Lido di Ostia, +5 sul Real Cefalù e +6 sulla Virtus Aniene.

 Inizio scoppiettante per gli ortonesi, molto aggressivi nella pressione alta sui portatori di palla avversari e subito in gol, prima con Silveira e poi con Zanella: 0-2 dopo due minuti di gioco. La Tombesi (priva dello squalificato Pizzo e degli infortunati Burato e Sanchez) non è stata però capace di tenere questo ritmo per tutto il primo tempo, pur trovando il 3-0 grazie alla prima rete in gialloverde di Luka Peric (minuto 11). La Gisinti ha riaperto la partita con le reti di Evandro e Anos, sfiorando il 3-3 sul finale di tempo, ma dopo l’intervallo è tornata la vera Tombesi. Un gran destro di Silveira ha siglato il 4-2, ma stavolta gli ortonesi non hanno abbassato il ritmo e la concentrazione, trovando anche il 5-2 con Adami. Negli ultimi sei minuti la CS Gisinti si è giocata continuativamente la carta del portiere di movimento, trovando però il suo terzo gol solo a 50 secondi dalla fine con Evandro. In contropiede, a un secondo dalla fine, è arrivato anche il sesto gol della Tombesi, a firma di Mati Lara. Con un bel secondo tempo, perfettamente rispondente al valore che società e staff tecnico attribuiscono a questo roster, la Tombesi torna dunque alla vittoria e si approccia nel migliore dei modi alla sfida di sabato prossimo contro l’Olimpus Roma.

 “Eravamo partiti benissimo, facendo esattamente quello che ci eravamo detti – ha commentato a fine gara mister Antonio Ricci – e infatti siamo andati subito sul 2-0. Poi, inspiegabilmente, abbiamo smesso di giocare, abbiamo staccato la spina e permesso agli avversari di rientrare in partita. Il 3-0 è stato frutto di una grande giocata individuale di Peric, ma già da alcuni minuti non stavamo facendo bene e abbiamo rischiato di chiudere il primo tempo sul 3-3. È stato un blackout mentale, come prova il fatto che, dopo esserci “chiariti” nello spogliatoio durante l’intervallo, nel secondo tempo abbiamo ripreso a giocare come sappiamo e siamo riusciti a controllare la partita. Dal punto di vista individuale è stata una buona prestazione da parte di tutti: è stato importante il recupero di Adami, per quello che fa in campo e perché mi permette di dare fiato ai suoi compagni; bene Peric, che ha commesso qualche errore ma ha anche segnato e fatto salire la squadra; molto bene Mambella, che ha fatto dieci parate una più bella dell’altra. Ora testa alla sfida con l’Olimpus, squadra che negli ultimi turni di campionato ha fatto sgambetti a Cefalù e Aniene: vediamo di vincere la nostra partita, poi guarderemo la classifica e ci renderemo conto di dove sono i nostri avversari”.

Ultima modifica: 12 gennaio 2019

In questo articolo