Pescara-Ascoli, il Delfino e Lapadula chiariscono: ‘nessuna testata a Del Fabro’ FOTO



Pescara. Sembra chiarito quanto accaduto nell’infuocato post partita di Pescara-Ascoli (2-2) quando si é scatenata una rissa in campo fra i giocatori delle due squadre: a provocarla sarebbe stata la ferita al naso del giocatore ascolano Del Fabbro, medicato ieri sera all’ospedale di Ascoli Piceno con quattro punti di sutura, che in quel momento sembrava essere il risultato di un colpo proibito.

Nella tarda serata di ieri il chiarimento con la foto postata sul sito ufficiale del Pescara in cui si vede che tutto é successo durante l’ultimo minuto di gara con un contrasto fortuito di gioco fra Lapadula e il difensore, che poi é rientrato subito negli spogliatoi senza partecipare alla rissa. La società biancazzurra ha voluto fare chiarezza con un comunicato ufficiale.

“La Delfino Pescara 1936 e Gianluca Lapadula – si legge nella nota – esprimono il loro rammarico per lo scontro di gioco ai danni di Dario Del Fabbro con conseguente taglio e punti di sutura e augurano al calciatore una pronta e immediata guarigione”.

Lapadula, invece, ha pubblicato sulla pagina facebook una foto che dimostra di aver toccato il difensore durante uno scontro di gioco e non con una testata nel finale di partita. Il bomber lancia poi un messaggio: “In campo si lotta e si combatte….a fine partita massimo rispetto per l’avversario! prima d’inventare storie, ricordate che un sacco di bambini ci guardano, ci ascoltano e leggono”

Ultima modifica: 2 novembre 2017

In questo articolo