Danni allo stadio Adriatico: il Pescara contro i tifosi vandali



Pescara. Numerosi seggiolini distrutti e danneggiata l’impermeabilizzazione della pavimentazione degli spalti dello stadio Adriatico: il Pescara stringe la vite contro i vandali tra i tifosi.

“Già dalla prossima gara interna con il Carpi”, annuncia la società del Delfino, “sarà data scrupolosa attuazione al divieto di danneggiare o manomettere in qualsiasi modo strutture, infrastrutture e servizi imposto dal Regolamento d’uso dello Stadio Giovanni Cornacchia”.

Viene richiamiamo l’attenzione, sulla norma di comportamento che prevede tassativamente che “lo spettatore ha il diritto/dovere di occupare il posto assegnato evidenziato sul biglietto e/o abbonamento. Non potrà occupare posti differenti seppur non utilizzati da altri soggetti e non potrà spostarsi all’interno dell’impianto senza l’espressa autorizzazione o le istruzioni degli steward, dei funzionari della Società e/o delle Forze dell’Ordine. Nessuno può rimanere in piedi durante lo svolgimento della gara”.

“Di conseguenza, anche in assenza dell’individuazione certa degli autori, si procederà a sanzionare coloro che risulteranno titolari del biglietto corrispondente al seggiolino distrutto o danneggiato”, comunica il club, che sta procedendo alla visione dei filmati degli episodi verificatisi nel Settore Ospiti durante la gara dello scorso 5 novembre, Pescara-Lecce, per procedere alla segnalazione agli Organi competenti per l’applicazione delle sanzioni previste dalle norme.

Ultima modifica: 30 novembre 2018

In questo articolo