Sab08232014

Aggiornato il Sab, 23 Ago 2014 9am

Università Teramo, una “Carriola di Disegni” per ricordare il terremoto dell’Aquila

terremTeramo. Per ricordare il terremoto di L’Aquila del 6 aprile 2009 la Facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università degli Studi di Teramo esporrà nei corridoi della Facoltà la mostra Una carriola di disegni, che sarà aperta al pubblico dal 3 al 18 aprile prossimi.

L’esposizione è un modo per riflettere anche sulle forme della rappresentazione del terremoto e della ricostruzione, a partire dallo strumento più semplice e immediato a disposizione: carta e matita.

La mostra è il risultato di un’iniziativa che si ispira al movimento internazionale degli urban sketchers, i “disegnatori di città”, che raccontano le città attraverso matite, acquarelli e taccuini da disegno e del corrispondente gruppo italiano.

Fedeli alla “missione” del gruppo, i disegnatori che si sono aggregati nel progetto Una carriola di disegni hanno voluto raccontare la bellezza ancora intatta di L’Aquila, senza nasconderne però le crepe e le rovine. Attraverso matite e colori hanno cercato di “riappropriarsi” degli spazi cittadini, invadendo – così come hanno fatto le “carriole” – la zona rossa.

La mostra è stata esposta di recente a Roma e la sua esperienza è approdata anche a Barcellona, in occasione del secondo simposio internazionale degli Urban Sketcher.

A chiusura della mostra, il 18 aprile, si terrà in Facoltà un evento conclusivo per approfondire la situazione post sisma del capoluogo abruzzese alla quale parteciperanno disegnatori, fotografi, urbanisti, storici, giornalisti e scrittori.


COMMENTA QUESTO ARTICOLO:
comments

Comments are now closed for this entry

logo-footer

Designed by Geminit.it. Copyright © 2013 CityRumors. Tutti i diritti riservati.

CityRumors.it é un quotidiano online di notizie in Abruzzo iscritto al Registro della Stampa presso il Tribunale di Teramo. Iscrizione n 607 del 14 Luglio del 2009. P. I.: 01801480672 - Cod. Fisc. 91041290676 Direttore Responsabile Luca Zarroli.