Il Giulianova torna in Serie D. Battuto il Montorio 88 con una tripletta di Francia (NOSTRI SERVIZI)



Dopo due stagioni, il Giulianova si riappropria della Serie D, ovvero la quarta serie nel panorama calcistico italiano, quella che un tempo era la vecchia C2. Ha dominato il campionato di Eccellenza abruzzese per quasi tutta la stagione (l’avventura era iniziata con la sconfitta interna col Paterno).

Ha messo a bada Chieti, contro il quale ha anche vinto la Coppa Italia battendolo ai rigori in finale, e l’ottimo Martinsicuro di Guido Di Fabio che potrebbe allenare il prossimo anno proprio i giallorossi.

Il Real Giulianova torna con merito in Serie D perché il presidente Luciano Bartolini e il direttore generale Mimmo Vernacotola, hanno saputo programmare e fissare gli obiettivi raggiungendoli con puntualità Svizzera. Applausi anche a mister Attilio Piccioni, troppo spesso criticato ingiustamente, ma che con straordinaria umiltà ha proseguito nel suo lavoro, vincendo il suo ennesimo campionato.

C’era però l’ostacolo Montorio 88 da superare. Avversario non facile perché la formazione di Sabatino Cipolletti è in lotta per la salvezza che dovrà ora passare per i play out. Il glorioso Fadini offre un bel colpo d’occhio, la tensione è comunque alta. Gli applausi sono tutti per il presidente Bartolini, il dg Vernacotola, per la squadra al momento dell’ingresso in campo. E prima del fischio d’inizio tutti sotto la curva a raccogliere il simbolico abbraccio dei tifosi.

Tutti aspettano i colpi di Tozzi Borsoi o di Vitelli, che di gol pesanti quest’anno ne hanno segnati tanti. E invece arrivano quelli di Francia, l’acquisto di dicembre. Una tripletta per lui nel 3-0 con cui i giallorossi superano i gialloneri di Cipolletti, imbottiti di ex quali Marini, Colacioppo, Gizzi, Cerasi, Di Stefano. Il Montorio sa che non ha nulla da perdere. Gioca a viso aperto. Ma dinanzi ha una corazzata che quando decide di premere sull’acceleratore può far male. In qualsiasi momento.

Il Giulianova per una ventina di minuti sta a guardare, pur avendo sotto controllo la situazione. Poi decide di premere sull’acceleratore. Ed è il capitano Federico Del Grosso a spaventare Recchiuti che respinge d’istinto il tiro ravvicinato. La rete però arriverà poco dopo, alla mezzora. Bravo Vitelli a difendere palla in area avversaria e a pennellare una traiettoria per la testa di Francia, bravo ad accompagnare l’azione d’attacco. E’ il gol che di fatto spiana la strada verso la Serie D. La truppa giuliese tiene a bada il ritorno degli ospiti.

Ma il primo tempo termina sull’1-0. Nella ripresa, dopo un tiro da fuori di Colacioppo per il Montorio e un rigore chiesto dai padroni di casa, la gara sembra incanalarsi sui binari della prima frazione. Applausi per Vitelli quando viene richiamato da mister Piccioni per far posto a Di Paolo, altro protagonista della stagione dei giallorossi.

L’attaccante si fa subito apprezzare per una rovesciata alla Cristiano Ronaldo, su assist di un sontuoso Tozzi Borsoi. Peccato non aver preso la porta. La curva canta, la sciarpata, le bandiere che sventolano spingono il Giulianova alla ricerca della rete della tranquillità. Che arriva al 27’. Francia raccoglie l’assist di tacco dell’onnipresente Tozzi Borsi. Rasoiata a fil di palo che fa esplodere di nuovo il Fadini.

Mister Piccioni regala la standing ovation al capitano Del Grosso, osannato da tutto lo stadio. Cartellino rosso per Zurita Gomes quando atterra al limite Barlafante. Fallo da ultimo uomo e doccia anticipata. La successiva punizione di Tozzi Borsoi, che meriterebbe la rete, viene respinta da Recchiuti. Barlafante allo scadere sfiora la marcatura.

L’estremo ospite, tra i migliori, abbassa la saracinesca. Nulla può sulla punizione di Francia in pieno recupero che sigilla l’incontro sul 3-0. Al triplice fischio è festa con la tradizionale invasione pacifica per una promozione che arriva con due giornate di anticipo.

Ultima modifica: 15 aprile 2018

In questo articolo