Viabilità, dal 15 novembre torna l’obbligo delle dotazioni invernali

I trasgressori rischiano sanzioni che in alcuni casi possono anche superare i 300 euro.

A partire dal prossimo 15 novembre, su molte strade e autostrade italiane tornerà in vigore l’obbligo delle dotazioni invernali. Per circolare sarà quindi necessario aver provveduto a sostituire le gomme estive con quelle invernali o, in alternativa, avere al seguito idonei mezzi antisdrucciolevoli, come le tradizionali catene da neve.

Vale la pena ricordare come per essere in regola con il codice della strada, sia necessario e sufficiente montare pneumatici marchiati con la sigla M+S, o le equivalenti MS, M/S, M-S, M&S, mentre le diciture “Winter”, “All season” e similari sono definizioni esclusivamente commerciali che, quando non accompagnate dalla marcatura M-S, non individuano degli pneumatici invernali agli occhi del codice della strada.

Discorso parzialmente diverso per lo snowflake, il pittogramma raffigurante un fiocco di neve circondato dal profilo di una montagna, che individua gli pneumatici sottoposti a specifici test su neve e ghiaccio e che, generalmente, garantiscono un livello di sicurezza sensibilmente superiore ai prodotti sprovvisti di tale certificazione. Per questo, sebbene il codice della strada non preveda un obbligo in tal senso, è sempre consigliabile verificare che la marcatura M-S dei propri pneumatici invernali sia accompagnata anche dallo snowflake.

Per quanto riguarda coloro che preferiscono le catene da neve o altri dispositivi antisdrucciolevoli, per evitare brutte sorprese è necessario che questi siano omologati in base alle norme UNI 11313 o ON 5117, inoltre devono essere di dimensioni adeguate al veicolo sul quale vanno installate.

Ricordiamo infine come il mancato rispetto dell’obbligo di dotazioni invernali comporti una sanzione che, a seconda dei casi, può andare da un minimo di 41 ad un massimo di 318 euro.