Autostrade, Toninelli: “nessuna alternativa alla revoca della concessione”

Il ministro ha assicurato che lo Stato non pagherà alcuna penale ad Autostrade.

Il M5s proporrà in sede politica la revoca totale della concessione ad Autostrade perché ci sono tutte le condizioni giuridiche per poterlo fare. Come fa un Paese civile a mantenere in gestione 3000 km dei 6000 km di autostrade a un concessionario incapace?”

Con queste parole il ministro Toninelli ha smentito l’ipotesi circolata ieri circa l’eventualità che la concessione attualmente in vigore possa essere semplicemente revisionata piuttosto che revocata del tutto.

Per quanto riguarda la penale da 22 miliardi che lo Stato potrebbe dover pagare ad Autostrade in caso di revoca, Toninelli ha assicurato: ”Non gli diamo neanche un centesimo, siamo sicuri delle nostre azioni”.

“Lo Stato può risolvere il rapporto con il concessionario in caso di inadempimento” ha spiegato il ministro dei Trasporti, sottolineando come la clausola che prevede la maxi penale sia stata definita “‘eccentrica’ e in quanto tale è nulla“.