Guasto rete idrica nel chietino: Sasi contro Aca

rubinetto_seccoLanciano. “Il disservizio che ha portato alla sospensione del servizio idrico nell’area interessata dall’integrazione Aca non è stata comunicata preventivamente ai nostri uffici: la Sasi ha pertanto invitato i vertici dell’Aca, con una comunicazione ufficiale, ad essere maggiormente solleciti in casi simili dando pronto avviso di sospensione”.

 E’ quanto si legge in una nota della Sasi, l’azienda che gestisce per conto dei comuni del comprensorio frentano il servizio idrico. Ieri un’ampia zona tra i comuni di Guardiagrele, Orsogna, Filetto, San Martino sulla Marrucina, Casoli, Casacanditella era rimasta senz’acqua. La sospensione non è stata preventivamente comunicata agli uffici della Sasi spa e solo dopo numerose segnalazioni da parte dei nostri tecnici si è riusciti a sapere l’origine e la natura del disservizio, attribuibile all’arresto delle pompe seguito alla rottura dell’impianto elettrico, spiega la nota Sasi. “Pertanto la nostra azienda, attraverso una comunicazione ufficiale, ha invitato i vertici dell’Aca ad essere maggiormente solleciti in caso di simili disservizi e quindi a dare agli uffici Sasi un pronto avviso di sospensione del servizio per scongiurare il più possibile disagi a carico dei cittadini, come è capitato ieri, esortando anche la piena attuazione del protocollo d’intesa firmato in data 24/05/2013 – coclude la nota – inoltre, permanendo la crisi idrica della sorgente Avello, ed al fine di alleviare i disagi fino al ripristino della portata ottimale, Sasi ha richiesto all’ACA un impegno maggiore per garantire nel comprensorio in questione una fornitura pari ad almeno 50 litri al secondo”.



In questo articolo: