‘È la mia salute, e io ci sono!’, campagna Asl Chieti per la sicurezza delle cure

Chieti. Porre le domande giuste al medico o agli infermieri, indossare ciabatte chiuse durante il ricovero, segnalare allergie a farmaci, lavarsi sempre le mani sono piccole e apparentemente banali azioni da seguire quando si è in ospedale o comunque sottoposti a cure, ma possono rivelarsi decisive per evitare errori e pericoli per la salute delle persone.

Per rafforzare questa consapevolezza e migliorare la collaborazione tra pazienti, familiari e operatori sanitari, la Asl Lanciano Vasto Chieti insieme a Cittadinanzattiva – Tribunale diritti del malato ha avviato una campagna di informazione sulla sicurezza delle cure e della persona assistita con lo slogan “È la mia salute, e io ci sono!”.

Martedì prossimo, 17 settembre, in occasione della Giornata nazionale dedicata al tema, promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità e dal Ministero della Salute, dalle ore 9 alle 13 negli ingressi principali degli ospedali e dei presidi territoriali di assistenza della Asl saranno allestiti punti informativi in cui il personale sanitario e i volontari di Cittadinanzattiva saranno a disposizione per dare ai cittadini informazioni e consigli pratici su come usufruire delle cure in modo sicuro. Anche nelle altre strutture sanitarie del territorio provinciale saranno affissi poster e sarà distribuita una guida per il cittadino e altro materiale informativo.

“Garantire la qualità e la sicurezza delle cure – spiega Maria Bernadette Di Sciascio, direttore dell’unità operativa Qualità, accreditamento e rischio clinico della Asl, che ha organizzato l’iniziativa e ideato la guida al cittadino – è un obiettivo che la nostra azienda con i suoi professionisti persegue quotidianamente e la collaborazione dei pazienti e dei loro familiari, attraverso semplici azioni e un atteggiamento responsabile, è preziosa per aumentare la sicurezza dei trattamenti in tutte le fasi del percorso di cura: in ospedale, negli ambulatori o anche a casa”.

La guida è consultabile anche su www.asl2abruzzo.it.