L’azienda gli vieta di andare in bagno: Sevel condannata

Atessa. Il Tribunale di Lanciano con sentenza ha accolto il ricorso del lavoratore che non è stato autorizzato all’abbandono della postazione di lavoro per recarsi ai servizi, condannando quindi la Sevel di Atessa a corrispondere un giusto risarcimento del danno.

 

La vicenda riguarda il lavoratore che finiva con l’urinarsi addosso durante il turno di lavoro, il quale, difeso dall’Avvocato Bracciale Diego, è riuscito a ricostruire i fatti grazie ad una assistenza legale attenta, oltre che per i diversi colleghi di lavoro che hanno deciso di testimoniare avendo un ruolo importante per la ricostruzione dei fatti di questa triste vicenda.

 

Il Giudice ha stabilito che il datore di lavoro ha arrecato concreto e grave pregiudizio alla dignità personale del lavoratore nel luogo di lavoro, al suo onore e alla sua reputazione, indubbiamente derivante dall’imbarazzo di essere osservato dai colleghi di lavoro con i pantaloni bagnati per essersi menzionato addosso.

 

” La sentenza”, si legge ina una nota a firma di Fabio Cocco, USB Abruzzo, “ha reso giustizia al lavoratore in questione, restituendogli in parte la  dignità che rimane irrimediabilmente lesa, anche per le conseguenze che la vicenda ha inevitabilmente generato a livello morale e psicologico a danno del lavoratore.

 

La vicenda ha avuto comprensibilmente una grande risonanza mediatica per la rara gravità del fatto, e ci si augura che fatti del genere non si verifichino mai più.

 

Un ringraziamento particolare va all’avv. Diego Bracciale per la sua professionalità e per la sua assistenza legale di spessore, nonché per aver preso a cuore una vicenda estremamente delicata, e un ringraziamento anche ai colleghi di lavoro che con il loro coraggio hanno permesso di ricostruire la vicenda in modo univoco, concordante, lineare e coerente, come ritenuto testualmente dal Giudice di Lanciano”.

 

LEGGI LA SENTENZA

img20190923_16370381

 



In questo articolo: