‘Poesia e impresa’ compie un anno

Lanciano. Compie un anno “Poesia e Impresa”, innovativa rassegna ideata e portata avanti da Ascom Abruzzo. Che ha festeggiato questa ricorrenza con la presentazione del libro “Il canto del vento” di Marco Felicioni, che si è tenuta qualche giorno fa, a Lanciano, all’interno del mercato coperto di Piazza Garibaldi. Un’insolita cornice, parole e arte… tra frutta e verdura…

“Poesia e Impresa” è una sfida di Ascom Abruzzo: portare i libri, portare la cultura, all’interno di aziende e negozi. Sono state finora 25 le aziende, gli esercizi commerciali e le piccole attività imprenditoriali che, in Abruzzo, hanno ospitato circa 40 autori ed artisti. Oltre 1.500 le presenze registrate: in ogni occasione c’è stata una folta cornice di pubblico. In quest’ambito Ascom ha anche inaugurato, a Francavilla al Mare, la sede regionale del settore Cultura, sotto la presidenza del professor Massimo Pasqualone.

“Poesia e impresa”… “una comunione indispensabile e necessaria che, attraverso la poesia, l’arte e la cultura, punta ad una crescita innovativa, diventando il centro vitale dell’economia locale. Essa – spiega l’ideatrice e poetessa, Anila Hanxhari – si propone di dare luogo a iniziative di pregio e di qualità che finora hanno coinvolto la nostra regione ma che, con i suoi artisti, che operano in tutti i settori, con gli editori e le imprese, si sta espandendo e punta ad oltrepassare i confini nazionali, esportando arte ed impresa”.

Marco Felicioni, concertista e solista, svolge un intensa attività in Italia e all’estero esibendosi al fianco di artisti di fama mondiale. Ricercatore e collezionista di flauti storici ed etnici da oltre un ventennio, è autore di testi storici didattici ed è invitato a tenere master class e conferenze-concerto presso conservatori, accademie e università. È docente, anche universitario, e ha preso parte a concerti ripresi dalla Rai, RaiSat, Canale 5 ed a eventi trasmessi in mondovisione.

“Il canto del vento” tratta la storia del flauto, attraverso l’osservazione degli strumenti più rappresentativi, con un analisi organologica e mitologica. L’illustrazione del testo è stata accompagnata dalla presentazione live di strumenti di tradizione millenaria.

Lucio Monaco. Pittore, vive ed opera a Mosciano Sant’Angelo (Pe). Ha realizzato mostre personali ed ha partecipato ad importanti collettive nazionali. I suoi dipinti e decollage sono presenti in collezioni pubbliche e private. La sua ricerca, ispirata alla Pop Art americana ha una evoluzione molto personale, che ne rende immediatamente identificabili le opere. L’artista segue sensazioni interiori, che lo portano a realizzare opere dai forti connotati sociali.

Hanno partecipato all’evento, che ha richiamato un pubblico appassionato, Fabio Poretti musicista lancianese, al flauto traverso, plurilaureato in discipline musicali, e i critici di “Poesia e Impresa” Rolando D’Alonzo e Massimo Pasqualone.



In questo articolo: