Lorenzo Mazzocchetti Trio al SanGiò Jazz Festival

San Giovanni Teatino. Domenica 19 gennaio torna il Sangiò Jazz Festival, con il quarto appuntamento in calendario. Dopo lo straordinario successo dei primi tre eventi in cartellone, stavolta toccherà al Lorenzo Mazzocchetti Trio scaldare la platea dell’Auditorium della Scuola Civica Musicale di San Giovanni Teatino, a partire come sempre dalle 18.30.

“Il Sangiò Jazz Festival, finora, ha fatto registrare sempre il tutto esaurito – dichiara il Sindaco Luciano Marinucci – e con il Lorenzo Mazzocchetti Trio puntiamo ad aprire il nuovo anno con lo stesso successo di pubblico che ha accompagnato le prime tre esibizioni”.

Il SanGiò Jazz Festival nasce da un’idea dell’assessore alla Cultura Simona Cinosi, sviluppata in collaborazione con Cristian Caprarese (ideatore e direttore del Festival), affiancato da Luigi Blasioli e Giacomo Parone nell’organizzazione.

“L’obiettivo di riportare a San Giovanni Teatino il jazz di qualità – spiega l’assessore alla Cultura Simona Cinosi – è stato ben accolto dalla cittadinanza e dai tanti appassionati del genere che, nei primi tre appuntamenti, hanno affollato l’Auditorium della Scuola Civica Musicale. Il SanGiò Jazz Festival intende rinverdire la tradizione di FBJazz, che tanto riscontro di pubblico e di critica ha avuto in passato. Inoltre, nelle intenzioni dell’Amministrazione Comunale, il Festival si propone di valorizzare la nostra Scuola Civica Musicale quale polo della musica jazz e luogo di promozione per musicisti e artisti locali”.

Il Lorenzo Mazzocchetti Trio vede la luce grazie all’incontro di tre musicisti attivi nel panorama bolognese: Lorenzo Mazzocchetti (pianoforte), Daniele Marrone (contrabbasso) e Dario Rossi (batteria). Concettualmente, si colloca sulla strada tracciata da formazioni come quelle di Bill Evans, Keith Jarret e Bobo Stenson. La musica del Trio risente, inoltre, di compositori come Kenny Wheeler, Maurice Ravel e Igor Stravinsky, collocandosi sulla scia delle armonie e degli stilemi della musica “colta” del Novecento. Il repertorio si compone di original, standard, omaggi alla musica del Novecento e brani di musica antica e popolare.

Il SanGiò Jazz Festival è promosso dal Comune di San Giovanni Teatino (Assessorato alla Cultura), dalla Provincia di Chieti e dall’associazione “Alterazioni Culturali”. Dopo il 19 gennaio, il prossimo appuntamento è per il 16 febbraio, con il Luigi Blasioli Trio.

Le presentazioni degli artisti e prossimi appuntamenti del SanGiò Jazz Festival:

Lorenzo Mazzocchetti si avvicina al pianoforte all’età di 10 anni, appassionandosi poi al jazz e alle musiche improvvisate intorno ai 17 anni.

Studia con alcuni dei più importanti musicisti e teorici italiani (Greg Burk, Diana Torto, Roberto Rossi, etc.) e consegue il diploma in pianoforte jazz presso il Conservatorio G.B. Martini di Bologna con il voto di 110 e lode con una tesi sul Keith Jarrett’s American Quartet curata da Stefano Zenni.

Ha avuto modo di suonare con la big band del conservatorio diretta da Michele Corcella condividendo il palco con importanti personalità musicali (Pasquale Mirra, Piero Odorici, Jimmy Villotti, Massimo Greco, Diana Torto, etc.) e si è esibito in festival jazz e rassegne di rilevanza nazionale e importanti jazz club (Bologna Jazz Festival, Jazzit Fest, Teate Winter Festival, Cantina Bentivoglio, etc).

Daniele Marronne, nato a Napoli, classe ’89, dapprima inizia gli studi classici diplomandosi in contrabbasso presso il conservatorio di Avellino, e poi studia presso il Siena Jazz University. Proprio con l’orchestra di quest’istituzione ha modo di suonare con alcuni dei più importanti jazzisti sul panorama nazionale ed internazionale (D. Liebman, C. Fasoli, M. Giammarco, etc.).

Ha suonato in numerosi festival e jazz club (Vittoria Jazz 2016, DIvino Jazz 2017 Napoli, Siena Jazz 2017, Nardis Jazz Club di Istanbul) e attualmente collabora come bassista con il Bologna Jazz Collettive.

Dario Rossi inizia a studiare la batteria all’età di 5 anni. Dopo le scuole superiori, si iscrive al triennio universitario di Siena Jazz dove si laurea con 110 e lode. Qui ha avuto la possibilità di studiare e suonare con importanti jazzisti del panorama italiano e non solo (Achille Succi, Giovanni Falzone, Mirco Mariottini, Stefano Battaglia, Maurizio Gianmarco, Claudio Fasoli, Dave Liebman, Justin di Cioccio..). Ora sta frequentanto il biennio superiore di jazz presso il conservatorio ‘F.Venezze’ di Rovigo. Ha studiato batteria con Fabrizio Sferra, Francesco Petreni, Walter Paoli, Paolo Corsi, Stefano Paolini. Da qualche anno, alla carriera da musicista, ha affiancato quella da insegnante di strumento nelle scuole di musica.

Prossimi appuntamenti del SanGiò Jazz Festival:

DOMENICA 16 FEBBRAIO 2020: LUIGI BLASIOLI Trio con il nuovo lavoro discografico del contrabbassista e autore Abruzzese “Mestieri d’oltremare e favole di jazz” pubblicato con la DodiciluneRecords/IRD. Luigi Blasioli contrabbasso, Cristian Caprarese piano, Giacomo Parone batteria.

DOMENICA 8 MARZO 2020: “Il Jazz è donna” EMANUELA DI BENEDETTO & GIULIO GENTILE Duo. Emanuela Di Benedetto voce, Giulio Gentile piano.