M5S: ‘Il vuoto a rendere approda anche a Chieti’

Chieti. Questa mattina i Consiglieri comunali del MoVimento 5 Stelle Ottavio Argenio e Manuela D’Arcangelo hanno protocollato alla Segreteria del Comune una mozione contenente una proposta di Delibera relativa all’introduzione nel Comune di Chieti della sperimentazione del c.d. “vuoto a rendere”.

“Si tratta – dice Ottavio Argenio – di dare concreta attuazione a quanto contenuto nel D.Lgs. 152/2006 e nel Regolamento di recente approvato con il Decreto 142/2017 che reca le norme relative alla sperimentazione di un sistema di restituzione e riutilizzo di tipologie di imballaggi destinati all’uso alimentare. Un sistema normativo fortemente voluto dal MoVimento 5 Stelle ed in particolare dal nostro portavoce alla Camera Stefano Vignaroli”.

“Con questa mozione – prosegue Manuela D’Arcangelo – vogliamo stimolare l’adesione a questo circuito virtuoso da parte degli esercenti di Chieti visto che, purtroppo, la normativa nazionale non prevede alcuna forma di incentivo economico per coloro che intendono aderire al circuito del riutilizzo degli imballaggi.
In pratica chiediamo che l’Amministrazione comunale voglia prevedere delle agevolazioni sulla componente TARI per i pubblici esercizi (bar, ristoranti pub e simili), fino ad un massimo del 30%, che aderiranno a questa iniziativa e le daranno concreta attuazione.”

“Riteniamo – aggiungono i due portavoce – che questo sistema debba essere incentivato anche sotto il profilo economico poiché, se largamente diffuso, potrebbe concretamente comportare una significativa riduzione della quantità di rifiuti che oggi vengono conferiti proprio dagli esercizi pubblici. Il vetro, in particolare, può essere tranquillamente riutilizzato senza dover necessariamente trasformato e riciclato e riteniamo che la nostra amministrazione debba impegnarsi concretamente per il perseguimento dell’obiettivo “rifiuti zero”.

Il Capogruppo in Consiglio comunale conclude con un invito all’Amministrazione comunale: “Se necessario o anche solo opportuno, siamo disponibili sin da subito ad avviare un confronto tecnico con gli Assessori del Comune di Chieti e con i Dirigenti dei settori interessati auspicando che questa iniziativa sia largamente condivisa dalle altre forze politiche presenti in Consiglio comunale.”



In questo articolo: