Vasto, cementificio: i chiarimenti dell’amministrazione comunale

Vasto. In ordine ad alcuni articoli apparsi sulla stampa e sui blog locali, relativi al “cementificio” della società ESCAL ed al presunto via libera del Comune di Vasto alla realizzazione dello stesso, l’Amministrazione Comunale intende fornire doverosi chiarimenti.
Preliminarmente si chiarisce che nessuna autorizzazione ad “iniziarel’attività” è stata rilasciata dal Comune di Vasto, o da qualsiasi altra Amministrazione, alla società ESCAL.

In data 15/01/2018, il Dirigente del Settore Urbanistico comunale, ha provveduto a pubblicare il provvedimento conclusivo della sola Valutazione di Incidenza predisposta sull’Intervento in esame.

Il procedimento di Valutazione di Incidenza, tra l’altro, è stato richiesto proprio dal Comune di Vasto con impugnativa al TAR Pescara di annullamento della autorizzazione rilasciata dalla Provincia di Chieti nel 2013.

A quella data, infatti, la Provincia di Chieti aveva rilasciato la “Autorizzazione alle emissioni in atmosfera” in favore della VASTOCEM, senza aver richiesto la prescritta valutazione di incidenza.

Pertanto, a seguito della citata impugnativa innanzi al TAR Pescara, il Comune di Vasto otteneva l’annullamento del provvedimento provinciale.
La società ESCAL (subentrata nel frattempo alla VASTOCEM) pur avendo impugnato innanzi al Consiglio di Stato la sentenza del TAR, in data 11/05/2016 presentava lo Studio di Incidenza, con successive integrazioni, che il Comune (per mezzo del consulente ambientale incaricato) ha controdedotto con chiarimenti, integrazioni istruttoriee precise prescrizioni di misure di mitigazione e compensazione che tale procedura consente.

Pertanto, nell’ambito del procedimento gli uffici comunali competenti hanno scrupolosamente verificato ogni elemento utile alla valutazione degli effetti dell’impianto sul vicino SIC di Punta Aderci.

Tant’è che in data 13/10/2017, seppur non richiesto dalla disciplina vigente al momento della presentazione della Valutazione di incidenza, il Comune di Vasto in ossequio al principio generale di cui all’art.5, comma 8 del DPR n.357/1997, nonché dalla DGR Abruzzo n.930 del 30/12/2016 ha provveduto alla pubblicazione di tutta la documentazione inerente lo Studio di incidenza in esame al fine di permettere la presentazioni di osservazioni da chi ne avesse interesse.

Pertanto, il procedimento di Valutazione di incidenza, non poteva avere esito differente atteso che sono state affrontate e risolte le criticità emerse nel corso della istruttoria.

Fatta questa doverosa premessa, occorre chiarire come la Valutazione di Incidenza, seppur positiva, non sia di per se sufficiente ad autorizzare l’esercizio della attività in argomento.

Infatti, la società richiedente, dovrà avviare un nuovo ed autonomo procedimento amministrativo di richiesta alla“Autorizzazione alle emissioni in atmosfera”(art.269, Dlgs 152/06) questa volta presso la Amministrazione competente (Regione Abruzzo).

Nell’ambito di tale procedimento, il Comune di Vasto (unitamente a tutte le Amministrazioni interessate quali l’ARTA, la ASL, il Consorzio, ecc.) dovrà tornare ad esprimersisia con il Settore urbanistico che (circostanza di estrema importanza) con il Comitato di gestione della Riserva di Punta Aderci.

E proprio quest’ultimo ha già avuto modo di precisare, nella seduta del 25/05/2017, che si riserva ogni valutazione sulla “Pratica ESCAL” “…allorquando la proposta progettuale sia ufficialmente portata all’attenzione del Comitato stesso per la richiesta del parere di competenza”.
Solo all’esito di tutti questi passaggi amministrativi, obbligatori e vincolanti, si potrà comprendere se la società ESCAL potrà o meno essere autorizzata all’esercizio della attività di “produzione di leganti idraulici (cemento)”.

Certamente il Comune di Vasto sarà molto attento nel valutare tutte le criticità che dovessero emergere nella fase istruttoria che, si ripete, non è ancora stata avviata.

Tali chiarimenti si rendono necessari anche al fine di smentire le “false” argomentazioni riportate nella dichiarazione di alcuni componenti della minoranza consiliare che dichiarano “il via libera al cementificio da parte del Comune di Vasto”.

Questa Amministrazione, di contro, non solo chiarisce che non vi è stato alcun “via libera” al cementificio madimostra con fatti, ricorsi, impugnative di ogni genere, di voler “difendere” a tutti i costi (ma sempre nel rispetto delle regole) l’ambiente in generale e le specificità naturalistiche in particolare.

Siamo ben consapevoli come i siti di Importanza Comunitaria e le Riserve che insistono sul nostro territorio, rappresentano un valore di pregio aggiunto allo stesso.

In tal senso, valga anche la attività che si sta compiendo da mesi, ad opera della amministrazione comunale, nel ragionare con tutti gli Enti interessati, affinché anche la zona industriale (che rappresenta una equivoca commistione con la Riserva Naturale di Punta Aderci e con lo stesso SIC) possa avviarsi ad un percorso di riconversione radicale.