Francavilla, investimenti: polemica tra e Lega e Pd

Francavilla al Mare. Botta e risposta a Francavilla tra il Pd e la Lega co una polemica che era partita da un piano di investimenti che riguarda le case popolari dell’ex Unrra che aveva visto sorpresi i consiglieri della Lega Alessandro Mantini e Rocco Paolini di aver appreso di tale progetto solo dalla stampa.

 In una nota così si è espresso il segretario cittadino del Pd, Mirko Di Muzio: “Notiamo con piacere l’interesse dei ‘nostri leghisti nostrani’ alle dinamiche della maggioranza. Quanto meno per tempo trascorso nei banchi del Consiglio Comunale ci si aspetta però un’opposizione costruttiva e bastata sulla realtà. Ci sono almeno due inesattezze. La dichiarazione su presunti screzi tra sindaco e giunta sono chiacchiere da bar. Inoltre, di fronte alla carenza e obsolescenza del patrimonio di edilizia popolare, mai potrebbe sopperire un bilancio comunale. Servirebbe invece un serio Piano Regionale di investimento, più volte sollecitato da questa maggioranza. Potrebbero quindi farsi loro stessi portavoce, essendo i nostri amministratori regionali del loro stesso colore politico. Visto la loro ritrovata attenzione alla città, ci aspettiamo un aiuto concreto anche nel sollecitare la giunta Regionale e il loro Presidente eletto Marsilio per i rimborsi mancati, a seguito della violenta grandinata del 10 luglio 2019”.

 “Si concentrassero su questo – ha aggiunto il capogruppo del Pd in Consiglio Comunale, Mario Gallo – se vogliono davvero stare dalla parte della cittadinanza. Dal canto nostro continueremo a lavorare per dare una rapida risposta al progetto PEEP presentato nella zona UNRRA, convinti che bisogna dare celeri risposte alle istanze presentate alla pubblica amministrazione”.

 Così replicano i consiglieri leghisti Alessandro Mantini e Rocco Paolini: “Rispondiamo sorridendo al Pd nostrano evidenziando che il governo regionale è passato al centrodestra 6 mesi fa, vincendo a mani basse contro la coalizione guidata da Pd che è passata agli onori delle cronache per aver riportato una tonante bastonata. Il Pd, dopo 5 anni di promesse non mantenute, con una ramanzina al centrodestra che ha del paradossale, vorrebbe scaricare le colpe della colpevole e pessima amministrazione regionale del governo D’Alfonso. A Di Muzio comunichiamo che il centrodestra ed in particolare la Lega saranno sempre dalla parte dei cittadini: non ci nasconderemo dietro Masterplan privi di coperture a bilancio. Vorrà spiegare Di Muzio che fine hanno fatto i 5 milioni di euro che erano stati promessi per la bonifica dell’Alento e del Foro, siamo tutti curiosi! Tornando a Francavilla, ricordiamo a Di Muzio che da anni si spendono milioni e milioni di euro per concerti e feste che non producono alcun beneficio ai francavillesi. Non siamo assolutamente contrari all’investimento di somme per il turismo, ma se la metà delle faraoniche cifre investite in concerti fossero state investite in infrastrutture, case popolari e servizi, avremmo una Francavilla più ricca sotto il profilo patrimoniale e più vicina alle esigenze dei più bisognosi. Al Pd e al coordinatore Di Muzio intendiamo far sapere che sarà nostro impegno principale quello di conciliare con l’amministrazione regionale di centrodestra la filiera necessaria ed utile allo sviluppo di Francavilla.

 Sui mancati rimborsi per i danni provocati dalla violentissima grandinata del 10 luglio scorso ci permettiamo di sottolineare ed evidenziare a Di Muzio che il PD è al governo centrale e che tali fondi dovrebbero essere stanziati proprio da loro. Il Presidente Marsilio e la Lega hanno già annunciato che si batteranno con ogni forza per ottenere tali fondi dal Ministero competente.

 Mentre il Pd manifesta sempre e solo sterile politica per noi della Lega il bene della nostra città e dei francavillesi sono e saranno sempre il fulcro della nostra attività istituzionale”.