Ospedale Renzetti di Lanciano, Taglieri: ‘Situazione gravissima per un Dea di Primo Livello’

Chieti. “Anche nel corso del Consiglio regionale, l’Assessore alla sanità Verì continua a non fornire risposte chiare sull’Ospedale Renzetti di Lanciano. Una struttura con caratterizzazione di DEA di primo livello ma che, allo stato attuale, non garantisce alla cittadinanza i servizi previsti dalla legge”. Ad affermarlo è il Vice presidente della Commissione Sanità Francesco Taglieri, che commenta così la risposta dell’Assessore Verì a un’interpellanza riguardante la mancanza di requisiti per DEA di primo livello all’Ospedale Renzetti di Lanciano.

“Non c’è necessità – prosegue – di fare alcun tipo di interpretazione della legge. Per definizione, una struttura che ha quel tipo di caratterizzazione deve garantire determinati servizi sanitari. Senza se e senza ma. Invece, al Renzetti di Lanciano abbiamo Radiologia, Otorinolaringoiatria, Ostetricia e Ginecologia, Urologia, Gastroenterologia, Anestesia e Rianimazione, considerate imprescindibili per il funzionamento di un DEA di primo livello, che presentano gravi carenze di organico. Le conseguenze le pagano i cittadini, con servizi garantiti in certi casi solamente dal lunedì al giovedì e, spesso, solo nelle ore diurne”.

“Per questo ho voluto accendere l’attenzione della Giunta e avere risposte in merito, per capire come il governo regionale intenda muoversi. E invece rimango molto deluso della non risposta dell’Assessore, sia in Consiglio che sul piano del fabbisogno, in cui non si trova alcun indirizzo per agire sulle carenze indicate. Non è accettabile che i pazienti debbano essere messi su ambulanze, andando avanti e indietro, anche per affrontare le analisi più semplici. Non è accettabile che in questa regione ci siano territori in cui i cittadini che riscontrano un problema di salute nel giorno sbagliato della settimana, non hanno la garanzia di ricevere le cure migliori. Queste sono emergenze che vanno risolte subito”.

“E ciò che riguarda il Dea di primo livello è solo uno dei problemi non risolti dal centro destra. Sull’ambulanza h24 a Lanciano, l’Assessore si è preso un impegno con noi e con la cittadinanza intera, ma ancora il mezzo non si vede in giro. Per il laboratorio analisi centralizzato a Chieti non ci sono gli spazi, l’hub doveva essere a Lanciano. C’è un Direttore Generale della Asl Lanciano Vasto Chieti che racconta cose che hanno un indirizzo opposto rispetto alla linea politica della maggioranza. Adesso non possiamo più aspettare. Pretendo risposte univoche, in tempi brevi, a tutte queste carenze, che finora hanno certificato l’improvvisazione nel lavoro di questa Giunta”, conclude.