San Salvo, definizione agevolata delle entrate e ravvedimento operoso

San Salvo. Il Consiglio comunale di San Salvo ha approvato il regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e non riscosse a seguito di ingiunzioni fiscali di pagamento notificate negli anni dal 2000 al 2017 per la cosiddetta “Rottamazione quater”. Iniziativa adottata a seguito del decreto legge del Governo riguardanti “Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”.

 “E’ un’opportunità che abbiamo previsto – spiega il sindaco Tiziana Magnacca – per sanare le situazioni di disagio di aziende e privati che si trovano in difficoltà. Un atto di pace fiscale per definire una volta per tutte posizioni tributario che si trascinano da anni. L’adesione alla definizione agevolata comporta l’esclusione delle sanzioni, che comporterà una notevole riduzione del debito, ma cosa importante è la possibilità di rateizzazione”.

 C’è tempo fino al 31 luglio per aderire all’iniziativa del Comune di San Salvo.
Il regolamento prevede:
– le modalità di presentazione della domanda;
– in 24 il numero massimo di rate mensili e le relative scadenze la cui ultima rata non potrà andare oltre il 30 settembre 2021;
“La domanda di adesione alla definizione agevolata delle entrate – specifica l’assessore ai Tributi Tonino Marcello – sospende i termini di prescrizione e decadenza per il recupero delle somme a seguito del ricevimento dell’ingiunzione fiscale. I versamenti eventualmente già effettuati si intendono riscossi a titolo di acconto rispetto all’intero importo dovuto”.
Le somme dovute potranno essere rateizzate come segue:
– fino ad € 300,00 nessuna rateazione;
– da euro 300,01 a euro 1.000,00: fino a tre rate mensili;
– da euro 1.000,01 a euro 3.000,00: fino a otto rate mensili;
– da euro 3.000,01 a euro 6.000,00: fino a dodici rate mensili;
– da euro 6.000,01 a euro 15.000,00: fino a quattordici rate mensili;
– oltre euro 15.000,00 fino a ventiquattro rate mensili;

 Per ogni chiarimento è a disposizione l’Ufficio Tributi del Comune di San Salvo. L’istanza va presentata al concessionario che ha notificato l’ingiunzione fiscale.

 Per informazioni:
https://www.comunesansalvo.it/articoli/tributi/1977/dichiarazione-di-adesione-alla-definizione-agevolata-2019-
Inoltre per chi non avesse ricevuto alcun accertamento per gli anni 2015-2017 c’è l’opportunità di ravvedersi versamento una sanzione del 5 per cento come stabilito dal Regolamento comunale per l’applicazione del ravvedimento operoso con la delibera di Consiglio comunale n. 5 del 29 marzo 2019.

 Per informazioni:
https://www.comunesansalvo.it/archivi/documenti/2019/R/REG.-RAVV.OPEROSO-DELIB.CCLE-N.5-2019.pdf