Campotosto, consegnati mezzo spartineve e gruppo elettrogeno

La Protezione civile regionale viene in soccorso dell’amministrazione di Campotosto mediante assegnazione temporanea e gratuita di un mezzo Unimog U-20 Mercedes, appena allestito con lama a vomere e spargisale.

 

Il mezzo è stato consegnato questa mattina, presso la ‘Casa di accoglienza’ realizzata dall’Associazione Nazionale Alpini (ANA), alla presenza degli uomini del Genio militare impegnati nelle attività di demolizione e rimozione. Nella stessa giornata è stato consegnato, proprio a Campotosto, il primo dei 65 generatori donati da Enel alla Regione che verranno destinati ad altrettanti Comuni.

 

I gruppi elettrogeni garantiranno l’alimentazione energetica delle strutture di gestione soccorso in caso di emergenza. Oggi sono stati consegnati i gruppi anche a Capitignano, Pizzoli, Fano Adriatico e Cortino. È stato così avviato il piano di consegna dei dispositivi energetici, che procederà nelle prossime settimane secondo un calendario condiviso con la Regione e con i Comuni. I generatori sono stati acquistati da Enel e vengono donati alla Regione Abruzzo che a sua volta li consegna in comodato d’uso gratuito alle amministrazioni comunali. L’iniziativa si inserisce nel piano di Sostenibilità di Enel. L’obiettivo è fornire un ulteriore strumento al sistema di Protezione Civile che possa semplificare ed essere d’aiuto nella gestione di eventuali emergenze.

 

L’assegnazione del mezzo spartineve, invece, si è resa possibile, eccezionalmente, mediante il nuovo allestimento del mezzo Unimog, appartenente alla colonna mobile regionale di protezione civile, attualmente inutilizzabile quale Sala operativa mobile per danneggiamento del vano sala in fase di riparazione. La Regione ha voluto così venire incontro alle esigenze del comune di Campotosto manifestate circa un mese fa in una riunione operativa sulle difficoltà logistiche per fronteggiare l’emergenza neve.

 

Si è deciso. quindi, di recuperare un mezzo già in dotazione per le esigenze di una realtà locale che, sia per condizioni geografiche e geomorfologiche, sia per condizioni altimetriche e micro-climatiche, risulta essere fra le più complesse dell’intero territorio regionale. Il mezzo assegnato sostituirà il mezzo spartineve comunale ormai obsoleto e non funzionante.