Introdacqua, bracconieri uccidono un cervo e lasciano la testa in strada FOTO

Introdacqua. La testa mozzata di un cervo ucciso dai bracconieri, tra Introdacqua e Bugnara, sezionato in strada per facilitarne il trasporto.

A mostrare le cruenti immagini è la Stazione Ornitologica Abruzzese, allertata da un passante che, stamattina, ha visto e segnalato la testa abbandonata in strada.

“Purtroppo chi abita nelle campagne e nelle aree montane”, spiega Marco Liberatore, consigliere della Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus, “può testimoniare che il fenomeno del bracconaggio è diffusissimo, con colpi sparati di notte e auto che girano indisturbate con tanto di fari direzionali visibili” Nonostante questo ci sono intollerabili resistenze da parte delle amministrazioni alla chiusura delle strade montane ai non autorizzati, come prevede la legge da molti anni”.

“Sentiamo scuse risibili, come ad esempio quella del turismo, quando in Trentino le strade forestali montane vengono chiuse normalmente e il turismo non solo ne soffre ma ne viene incentivato”, aggiunge Liberatore, “Un escursionista a piedi o in mountain-bike non la prende bene se si vede impolverare dal passaggio di un’auto, a parte l’aspetto culturale della fruizione sostenibile di ambienti sensibili. Inoltre la chiusura delle strade sterrate è una misura fondamentale per la prevenzione degli incendi boschivi innescati dai delinquenti. Serve un controllo capillare del territorio, visto che oggi abbiamo tecnologie facilmente utilizzabili e a basso costo come le fototrappole”.