Pescara, case Ater sgomberate: trovata sistemazione per tutti

Pescara. A 48 ore dall’emergenza di via Lago di Borgiano, sono tutte coperte le sistemazioni provvisorie per gli inquilini delle tre palazzine su cui è stata emessa l’ordinanza sindacale di sgombero immediato perché staticamente inadeguate.

Un lavoro svolto dal Centro Operativo Comunale che ha vagliato la disponibilità di residence, strutture alberghiere, edifici comunali a Pescara e nell’area metropolitana, riuscendo a trovare un tetto per tutti coloro che non avevano una sistemazione alternativa.

Oggi il sindaco Marco Alessandrini ha inoltre inviato una lettera alla Regione in cui chiede il riconoscimento dello stato di emergenza, a seguito della situazione che si è determinata con la certificazione dell’inadeguatezza statica delle palazzine ai civici 14, 18 e 22, aumentata con il sisma del 2016. Nel pomeriggio, invece, la Giunta ha approvato una delibera per l’immediata assegnazione di 6 abitazioni dell’Ater, subito disponibili (2 a Pescara e le altre in provincia), al fine di procedere alle prime sistemazioni temporanee di lunga durata al più presto.

“Lavoriamo incessantemente da ieri su quella che è di certo la più grande emergenza sociale e abitativa mai vissuta dalla nostra città ed è per questo che abbiamo chiesto un legittimo riconoscimento alla Regione che ci consentirà di agire per risolvere i problemi derivanti dallo sgombero che interessa 84 famiglie, 236 persone – ribadisce il sindaco Marco Alessandrini – Sin dall’inizio avevamo detto che non avremmo lasciato solo nessuno e stiamo tenendo fede a questo impegno, cercando di risolvere una situazione complessa e di andare fino in fondo. C’è una priorità di azione che riguarda disabili, nuclei con minori e anziani”.

“Diverse – aggiunge – le strutture che faranno da tetto finché non potremo procedere diversamente e passare dalla fase di emergenza a quella di una sistemazione di secondo livello. Abbiamo messo a disposizione l’edificio di Valle Furci, abbiamo disponibilità alberghiere e in residence a Chieti Scalo, al Villaggio Mediterraneo ed è a disposizione anche il Palazzetto Giovanni Paolo II. Circa 20, infine sono le persone che non hanno richiesto una sistemazione di emergenza perché si appoggiano a parenti”.

“Non ci fermeremo a questo – dice ancora il sindaco -: stiamo lavorando con l’Ater perché nei prossimi mesi si possa arrivare a nuove assegnazioni, ma nel frattempo abbiamo bisogno di certezze e di sistemazioni dignitose per queste famiglie e nella delibera approvata oggi dalla Giunta per l’assegnazione immediata di sei appartamenti Ater già disponibili. La via che intendiamo aprire per il prosieguo è quella dell’autonoma sistemazione che vede il riconoscimento di un contributo a copertura dell’affitto, in modo che ognuno possa trovare una casa che meglio risponde alle proprie esigenze e aspettare lì la sistemazione definitiva”.

“Siamo grati a tutti quanti coloro che si stanno prodigando perché dall’emergenza si passi oltre: a partire dal vice sindaco e assessore alla Protezione Civile Antonio Blasioli, che presidia il Coc dall’inizio dell’emergenza, all’assessore al Sociale Antonella Allegrino operativa da subito sui risvolti sociali e tecnici della situazione, passando anche dai volontari ai residenti stessi con i quali attraverso i nostri assistenti sociali abbiamo contatti continui. E’ un lavoro che vale ed è un momento in cui bisogna remare tutti nello stesso verso, perché si possa risolvere l’emergenza, la più grave che la città abbia vissuto”, conclude Alessandrini.



In questo articolo: